L’invasione della zanzara tigre: ecco le città in cui è massima allerta

[Getty]

Il mese di maggio, ben più freddo del solito, ha fatto ben sperare. E infatti, l’inizio dell’estate non è stato rovinato come al solito dai nugoli di zanzare, tigre o normali che fossero. Adesso, invece, la situazione sta cambiando, complici del ondate di calore che favoriscono la riproduzione del fastidioso insetto.

VIDEO - Come combattere le zanzare?

E così le zanzare, e in particolare la tigre, sono in aumento in tutta Italia, al punto che si può di nuovo parlare di invasione. Nel paese sono 87 le province che mostrano un indice di infestazione di livello 3 e 4, cioè i più alti della scala di intensità. E tra tutte spiccano quattro città: Milano, Roma, Cagliari e Palermo.

Ma il problema è, come dicevamo, generale. Liguria, Friuli-Venezia Giulia e Piemonte sono regioni complessivamente molto colpite dalla presenza dell’insetto. Così come tutta la Lombardia. In Veneto tutte le province, a esclusione di Verona e Belluno, esprimono gli indici di infestazione più alti. Al Nord la situazione migliore è solo in Val d’Aosta.

Di Roma abbiamo detto. Per il resto del Centro, è indice massimo nella totalità di Abruzzo, Umbria e Marche. Quasi tutta colpita anche la Toscana, a eccezione di Massa Carrara.

Poi c’è il Sud, con Basilicata e Puglia infestate a livello 4. In Calabria si salva Cosenza, in Campania Avellino. In Sicilia solo Ragusa è pressoché immune dalla piaga delle zanzare tigre (indice 1); in Sardegna c’è Nuoro a livello 2. Il resto, purtroppo, è al massimo tasso di infestazione.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Greta andrà in barca