L'ipotesi liste civiche spacca i 5S: "Che direbbe Gianroberto?"

webinfo@adnkronos.com
di Antonio Atte  E' scoppiata la guerra dei dossier all'interno del Movimento 5 Stelle dopo la 'graticola' dei sottosegretari, passati sotto la lente di ingrandimento delle Commissioni parlamentari di riferimento in una sessione di colloqui che si sono svolti tra lunedì e martedì sera. A quanto apprende l'Adnkronos da fonti M5S, particolarmente duro è stato il giudizio espresso dalla Commissione Industria, commercio e turismo nei confronti di Davide Crippa e Andrea Cioffi, sottosegretari allo Sviluppo economico, ministero guidato dal leader del M5S Luigi Di Maio. I membri della Commissione hanno stilato un documento interno - visionato dall'agenzia di stampa - in cui vengono contestate ai sottosegretari una serie di 'mancanze': "Assenza di confronto rispetto alle decisioni assunte, anche in contraddizione con l'indirizzo politico del M5S indicato nel programma elettorale. Assenza di dialogo con la Commissione, rispetto agli argomenti trattati nei lavori della stessa. Assenza di confronto per la definizione di indirizzi, proposte emendative (pareri, riformulazioni, etc.)". E ancora: "Assenza di interlocuzione anche per temi che arrivano dal territorio a cui tutti noi siamo chiamati a dare risposte. Questa assenza - si legge sempre nel documento - si rileva anche per altri sottosegretari". E per concludere: "La vostra presenza sui territori dove siamo stati eletti non è stata condivisa o preannunciata. Consiglieri regionali e comunali ci hanno accusato che (sic) siete venuti nei loro Comuni senza averli avvisati e che magari fate foto con sindaci o politici di altri partiti". Ma non finisce qui. A finire sul banco degli imputati è lo stesso metodo della 'graticola', giudicata una vera e propria "gogna" da alcuni eletti pentastellati. Al punto che diversi parlamentari ieri sera si sarebbero rifiutati di consegnare il foglio con la valutazione anonima. E, secondo quanto trapela da fonti grilline in Transatlantico, un gruppetto di deputati starebbe preparando un proprio documento per prendere le distanze dalla 'graticola'. "In merito alle indiscrezioni" i deputati del MoVimento 5 Stelle in Commissione Attività produttive alla Camera precisano in una nota: "Per quanto ci riguarda, quella di ieri sera è stata soltanto un'occasione di confronto tra deputati, senatori e sottosegretari. Come dichiarato anche dal sottosegretario Cioffi, abbiamo ripercorso tutto il lavoro fatto in un anno e discusso in maniera collegiale su come fare di più e meglio. È evidente che tanto è stato fatto e tanto c'è ancora da fare: si può sempre migliorare, ma a condizione di remare tutti nella stessa direzione, unendo le forze come fatto sin dall'inizio per affrontare le grandi sfide dello sviluppo economico del Paese. Abbiamo un obiettivo comune e continueremo a perseguirlo con l'aiuto di tutti".

di Antonio Atte  

Di Maio, se ci sei batti un colpo. Una parlamentare grillina passeggia nervosamente su e giù per uno dei corridoi della Camera. E parla in maniera concitata con alcuni suoi colleghi. Al centro della discussione, la debacle abruzzese del M5S. E la richiesta di una assemblea congiunta che ancora non è all'orizzonte, nonostante il pressing di una buona fetta del gruppo parlamentare.Dopo la disfatta elettorale in Abruzzo, sul banco degli imputati ci sono i vertici 5 Stelle, a partire da Luigi Di Maio, che si è chiuso in un lungo silenzio, interrotto solo da alcune considerazioni consegnate al Corriere della Sera. Tra cui la svolta - anticipata ieri dall'Adnkronos - che potrebbe portare presto alla caduta di uno dei tabù più granitici del Movimento 5 Stelle: il no alle alleanze a livello locale.  

Se infatti i piani alti del M5S sembrano accarezzare l'idea di aprire alle liste civiche - benedetta anche da alcuni eletti storicamente 'critici' - nella compagine parlamentare non manca chi vede questa ipotesi come il fumo negli occhi. "Che direbbe Gianroberto?", è il mantra che rimbalza tra gli eletti. Uno dei più scettici è il deputato Davide Galantino, colui che proprio alcuni giorni fa ha depositato una proposta di legge 'anti-ammucchiate' che punta a 'disboscare' la selva di liste civiche che partecipano alle elezioni comunali. "Personalmente - spiega Galantino - non credo nelle alleanze, credo nei programmi. Ora dobbiamo cercare di valutare gli errori fatti e ripartire. Questo penso". 

"La mia proposta - aggiunge il parlamentare della Commissione Difesa - è orientata a risolvere l'annosa questione delle elezioni amministrative dei comuni con più di 15mila abitanti, come già avviene nei comuni più piccoli, dove puntualmente spuntano numerose liste di candidati. Ogni lista, sosterrebbe un solo candidato sindaco. A mio avviso è la condizione migliore per portare avanti il programma senza subire i ricatti di chi ha portato più voti". 

Contrarie all'ipotesi di aprire alle civiche anche le senatrici 'ribelli' Elena Fattori e Paola Nugnes. "Nel Lazio - dice Fattori all'Adnkronos - abbiamo il più alto numero di sindaci del Movimento e abbiamo raggiunto questo obiettivo senza alleanze. Magari i vertici dovrebbero analizzare i modelli che funzionano anche se non sono del loro territorio. Il buon Gianroberto (Casaleggio, ndr) avrebbe detto 'non puoi cambiare un sistema usando gli stessi mezzi che hanno contribuito a costruirlo': si lavori piuttosto per cambiare i sistemi elettorali locali". Tranchant il commento di Nugnes: "Questo non è più il Movimento". 

Andrea Colletti si segnala invece come uno dei favorevoli. "Mi sembra una buona idea, lo dico da un po' di anni... ma bisogna fare attenzione", avverte il deputato abruzzese parlando con l'Adnkronos. "L'espressione società civile - osserva - mi fa un po' paura perché spesso dietro la cosiddetta società civile si nascondono personaggi incivili. Ma con le nostre regole può essere buona idea. E' una svolta che va gestita bene, facendo attenzione a chi rischi di mettere dentro". 

Perplessa la deputata Doriana Sarli. "Spesso in passato abbiamo lavorato sui temi, nei nostri territori con altri gruppi di cittadini attivi che poi si sono organizzati in liste civiche con le quali avremmo tranquillamente potuto andare insieme in elezioni locali. Se ci si apre ad alleanze, spero ci si apra solo a chi vede la politica come una forma istituzionale di attivismo e non altro. La mia grande preoccupazione è, come al solito: chi deciderà? Saranno gli attivisti locali che ben sanno e conoscono chi sono i componenti delle altre liste o scelte calate dall'alto solo per avere qualche voto in più?", si chiede la parlamentare campana. 

Il dibattito interno al M5S verte anche sulla definizione della struttura di cui, a detta di molti, il Movimento dovrebbe dotarsi per ricucire il rapporto con i territori e invertire il trend che finora ha visto i pentastellati il più delle volte soccombere nelle competizioni locali.  

"Serve una squadra di coordinamento, che colleghi i sindaci con la parte governativa" dice a microfoni spenti una deputata, ricordando che il tema fu sollevato in occasione di una assemblea congiunta di qualche mese fa: "Dobbiamo valorizzare il lavoro dei sindaci e dei consiglieri comunali: se non si punta su questo, non andiamo da nessuna parte".