L'ira degli agricoltori olandesi contro il piano di taglio delle emissioni

Jan Arie Koorevaar è un allevatore olandese, ha 120 mucche su 95 ettari e, come molti altri suoi colleghi, è in difficoltà. Il motivo? Si dicono sconvolti dal piano del governo dei Paesi Bassi di ridurre le emissioni di azoto e ammoniaca del 50% entro il 2030 per combattere il cambiamento climatico.

"La mia azienda agricola si sta trasformando in un'azienda biologica. Quindi si potrebbe dire: 'Ok, stai facendo tutto bene'. Ma ho comunque dei dubbi molto forti. Non so se sia sufficiente quello che ho fatto", ha detto Jan Arie Koorevaar ad Euronews. "Quindi, io penso di aver fatto cose positive, ma non so se siano abbastanza. E nessun agricoltore attualmente sa se quello che ha fatto possa essere sufficiente o meno", ha aggiunto.

Con le sue 53 mila aziende agricole e la sua produzione intensiva, i Paesi Bassi sono il secondo esportatore agricolo al mondo. Il 10% dell'economia nazionale dipende da questo settore. Se il piano verrà attuato per filo e per segno, le aziende agricole dovranno tagliare le proprie emissioni del 70%, o anche di più secondo alcune stime. In altre parole, questa potrebbe essere la fine per alcuni agricoltori che dovranno ridurre il bestiame, dato che è una delle principali fonti di emissioni di azoto a causa del letame e dei fertilizzanti artificiali utilizzati.

"Ogni agricoltore potrebbe subire un esproprio in questo momento. È una situazione stupida. Perché non si guarda a me, ma alla riduzione totale dell'azoto. E un algoritmo determina una mappa che dice, ad esempio, che io devo tagliare il 47%, un altro agricoltore il 70% e un altro ancora il 95%", ha spiegato Koorevaar.

Nelle ultime settimane si sono moltiplicate le manifestazioni contro il piano del governo e alcune sono sfociate in scontri con la polizia. Il principale sindacato degli agricoltori, LTO, ha preso le distanze da questi eccessi, ma contesta il piano del governo.

"Il governo ha obiettivi irrealistici, una riduzione del 50% nel 2030 danneggerà il futuro dell'agricoltura nei Paesi Bassi, ma anche il futuro sociale, economico e culturale della campagna olandese in generale", ha detto Wytse Sonnema, portavoce di LTO.

Infine, si teme che questo piano possa rappresentare un precedente e aprire la strada ad altri annunci di riduzione delle emissioni in diversi settori. Come l'aviazione, i trasporti o la costruzione di strade.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli