L'Iran ha aumentato di dieci volte la produzione di uranio arricchito

Gianluca Zeccardo

L'Iran ha annunciato di aver aumentato di oltre dieci volte la produzione di uranio arricchito, una nuova fase del disimpegno progressivo dall'accordo del 2015 (Jcpoa) sul nucleare, da cui gli Usa si sono ritirati. La Repubblica islamica ha anche fatto sapere di aver sviluppato due nuove centrifughe avanzate, una delle quali è in fase di sperimentazione.

Parlando dal sito nucleare di Natanz nel giorno del quarantesimo anniversario della crisi degli ostaggi nell'ambasciata Usa a Teheran, il capo dell'Organizzazione per l'energia atomica (Aeoi), Ali Akbar Salehi, ha riferito che la produzione di uranio arricchito ha raggiunto i cinque chilogrammi al giorno, rispetto ai 450 grammi di due mesi fa.

La Casa Bianca, accusando il regime di continuare a "colpire civili innocenti", ha avvertito che "finché Teheran non cambierà il suo comportamento ostile, continueremo a varare sanzioni paralizzanti". Il Tesoro Usa ha poi fatto sapere di aver inserito nove membri dell'entourage della guida suprema, Ali Khamenei, nella sua black list.

Finora l'Iran ha reagito con tre pacchetti di contromisure al ritiro Usa dall'accordo sul nucleare e ha minacciato ulteriori misure se i partner che sono rimasti nell'accordo - Gran Bretagna, Cina, Francia, Germania e Russia - non l'aiuteranno a eludere le sanzioni Usa. Dopo l'ultimo annuncio, l'Unione Europea ha avvertito che il suo sostegno all'accordo sul nucleare dipende dal fatto che il Paese adempia ai suoi impegni. Bruxelles ha chiesto quindi una "marcia indietro" e di "astenersi da altre misure che potrebbero minare l'intesa".

Il primo luglio l'Iran aveva annunciato un aumento delle scorte di uranio arricchito oltre il limite massimo di 300 kg stabilito dall'accordo. Una settimana dopo aveva rivelato di aver superato il limite del 3,67% sulla purezza delle scorte di uranio. Il 7 settembre ha annunciato di aver attivato centrifughe avanzate.

Salehi ha affermato che gli ingegneri iraniani "hanno costruito con successo un prototipo di IR-9, che è la nostra centrifuga più recente, e anche un modello di una nuova macchina chiamata IR-s, tutto questo in due mesi".

Teheran ha rimosso tutte le sue centrifughe IR-1 - le uniche consentite dall'accordo - e ora utilizza modelli avanzati, ha confermato il capo di Aeoi, rivelando l'attivazione di 30 nuove centrifughe avanzate IR-6, oltre alle 30 già esistenti. "Non volevamo fare questo passo ma ci hanno costretto le politiche di Washington", ha aggiunto, "dobbiamo ringraziare il nemico per averci dato l'opportunità di mostrare quello che la repubblica islamica puo' fare, la nostra capacita', specialmente nell'industria nucleare che qualcuno riteneva distrutta".