Golfo, Rouhani spiazza Trump: "Una coalizione della speranza" per raggiungere la pace

Umberto De Giovannangeli

Rouhani spiazza Trump. Una forza di sicurezza per il Golfo in cooperazione con gli altri Paesi della Regione. A proporla sarà all’Assemblea generale delle Nazioni Unite la prossima settimana il presidente iraniano. Una forza di sicurezza per il Golfo in cooperazione con gli altri Paesi della Regione. La forza condivisa alla base della “Coalizione per la speranza”. . Lo ha annunciato i Rouhani parlando di “un’iniziativa che coinvolgerà i paesi dell’area al fine di formare una coalizione che garantisca la sicurezza”.  “I paesi della regione sono in grado di provvedere da soli alla sicurezza del Golfo Persico, del mare di Oman e dello Stretto di Hormuz”, ha sottolineato il presidente iraniano aggiungendo che “i nemici continuano a mentire e dichiarare che sono loro a garantire la sicurezza”. “Ma se stanno dicendo la verità - ha incalzato Rohani - perché hanno dovuto inviare nell’area una così grande quantità di armi pericolose?”. “La presenza di forze straniere nella regione col pretesto che si occupano della sicurezza ha solo portato insicurezza e disgrazie” ha detto il presidente iraniano parlando ad una cerimonia per commemorare l’inizio della guerra Iran-Iraq, il 22 settembre del 1980. “Vogliamo presentare all’Onu un piano di pace per il Golfo Persico e lo Stretto di Hormuz» spiega Rouhani, aggiungendo che “le interferenze esterne sono problematiche e pericolose. Per questo Teheran “tenderà la mano” a tutti gli Stati del Golfo, con i quali desidera avere un rapporto di fratellanza e amicizia “. La speranza, presumibilmente, è che la crisi con gli Stati Uniti e l’Arabia Saudita non vada aggravandosi ulteriormente, sfociando in un conflitto armato. Rouhani ha quindi invitato “le forze straniere ad allontanarsi dalla regione”. 

“I nemici hanno iniziato diversi tipi di guerra, inclusa quella psicologica ed economica, e di recente hanno cominciato a minacciare un conflitto militare per creare problemi...

Continua a leggere su HuffPost