Lista “Milano Unita” incontra sindaco Sala: bene apertura a M5s

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 14 apr. (askanews) - Una delegazione della lista Milano Unita, composta da Elena Comelli, Paolo Limonta, Antonio Pandolfi, Paolo Tafuro e Ornella Torresani, ha incontrato in mattinata in vista delle elezioni comunali di ottobre il sindaco Giuseppe Sala. Lo si legge in una nota nella quale si vede con favore una possibile alleanza, anche a livello locale, tra Partito democratico, Sinistra e Movimento 5 Stelle. Un patto "nel segno di quella 'Alleanza per lo sviluppo sostenibile' che ha rappresentato - secondo i rappresentanti della lista - un'esperienza di progresso per il Paese e auspica che si apra da subito un tavolo di confronto sui contenuti".

L'incontro è stato però soprattutto occasione di confronto "sulla drammatica situazione sanitaria e sociale che la città sta vivendo dal crollo dell'occupazione al drastico aumento della povertà e delle diseguaglianze, aggravati dalla disastrosa gestione dell'emergenza pandemica e del piano vaccinale da parte della giunta Fontana". A questo proposito la lista propone di usare i fondi per la ripresa che arriveranno dal programma di aiuti europei per investimenti in edilizia residenziale pubblica e per il recupero degli immobili sfitti; viene poi chiesta una revisione del Pgt e dei progetti di grande trasformazione urbana a partire dagli Scali Ferroviari, "che devono contribuire molto di più alla crescita sociale della città".

Tra le iniziative suggerite c'è anche quella di un programma di riconversione energetica verso le fonti rinnovabili e una modifica degli indirizzi industriali di A2A; una politica della mobilità che limiti l'uso del mezzo privato e incentivi quello dei mezzi pubblici ricercando le risorse necessarie per arrivare alla gratuità del biglietto. La delegazione ha infine chiesto al sindaco di confermare l'adesione del Comune di Milano alla scelta dell'Anpi di celebrare in piazza il 25 aprile, impegnandosi a collaborare organizzativamente perché ciò possa avvenire in sicurezza.