L'Italbasket va ai Mondiali 2023, battuta la Georgia 84-85

SAVINO PAOLELLA / NURPHOTO / NURPHOTO VIA AFP

AGI - L'Italbasket batte in volata la Georgia e si qualifica con due giornate d'anticipo ai Mondiali del 2023.

Alla Tbilisi Arena, in terra georgiana, gli Azzurri di coach Gianmarco Pozzecco s'impongono 84-85 contro i padroni di casa del coach greco Ilias Zouros: per l'Italia si tratta della seconda qualificazione consecutiva ai campionati del mondo, cosa che non succedeva da 32 anni (1986 e 1990). Decisivi i 15 punti a testa di uno Spissu letale nel finale e di Tessitori, con Biligha e Vitali che raggiungono la doppia cifra entrambi a quota 11. Ai biancorossi non bastano invece i 15 di Shengelia e la doppia cifra di altri cinque giocatori.

L'Italia parte alla grande nel quarto iniziale, trovando sei canestri da tre su undici tentativi, segnando 24 punti e costruendo un mini vantaggio di 5 lunghezze al primo mini-riposo. Il secondo periodo si apre con una bella tripla di Mannion che allunga il vantaggio azzurro, mentre i georgiani sembrano in leggera difficoltà.

Il match però rischia di cambiare presto volto, perché dopo appena 13 minuti complessivi passati sul cronometro, allo stesso Mannion viene fischiato un tecnico per simulazione difensiva, che si aggiunge ad un antisportivo rimediato nel primo quarto: il risultato è un'espulsione pesantissima con Pozzecco che non la prende bene e rimedia anche lui un tecnico.

La Georgia ne approfitta per ricucire lo strappo, l'Italia comunque non si tira indietro e riesce a portarsi all'intervallo sul +3, avvicinata da una tripla folle di McFadden proprio sulla sirena.

Al rientro dagli spogliatoi i biancorossi non segnano per oltre 3 minuti, ma le giocate di Tsintsadze e Sanadze li tengono a contatto rispondendo ad un mini parziale azzurro firmato tutto da Tessitori.

Prima della fine del terzo quarto i georgiani provano a mettere anche la freccia per il sorpasso, una bomba di Baldasso però regala 2 punti di vantaggio all'Italia in vista degli ultimi dieci minuti di partita.

Il quarto periodo è un vortice continuo di emozioni e botta e risposta su entrambe le metà campo: la squadra di Pozzecco sbaglia tanti tiri puliti da oltre l'arco, mentre la Georgia trova due incredibili triple consecutive di Berishvili che la portano sul +5 a 4' dalla sirena finale.

Gli azzurri però non mollano un centimetro, ritrovano punti pesanti con la tripla di Severini e le due in fila di Spissu che, sommate ai liberi di Pajola e la successiva pesantissima bomba di Ricci, contro ribaltano il risultato sul +5 italiano con 40 secondi restanti sul cronometro.

Nel finale succede di tutto, l'Italia sembra in totale controllo ma una velenosa palla persa porta ad un'altra tripla di Berishvili, che riporta i suoi sul -1 prima dei due liberi sbagliati da Pajola, che fortunatamente non implicano una sconfitta agli azzurri.