L'Italia revoca l'export di bombe verso Emirati Arabi Uniti e Arabia Saudita

·1 minuto per la lettura

AGI - Il governo italiano ha deciso di revocare, dopo 18 mesi di sospensione, l'export di missili e bombe d'aereo verso l'Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti, fermando definitivamente le forniture autorizzate negli ultimi anni, relative ad ordigni utilizzati nella sanguinosa guerra dello Yemen. Le licenze erano state rilasciate dopo l'inizio del conflitto e rimane in vigore la sospensione a concedere a questi Paesi nuove licenze per tali armamenti.

A dare per prima la notizia è stata la Rete Italiana Pace e Disarmo, secondo cui il provvedimento riguarda almeno 6 diverse autorizzazioni già sospese con decisione presa a luglio 2019, tra le quali la licenza MAE 45560 decisa verso l'Arabia Saudita nel 2016 durante il governo Renzi (relativa a quasi 20mila bombe aeree della serie MK per un valore di oltre 411 milioni di euro).

A confermare ufficialmente il provvedimento è stato poi il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, che lo ha definito "un atto doveroso, un chiaro messaggio di pace che arriva dal nostro Paese". "La nostra azione di governo e' ispirata da valori e principi imprescindibili", ha sottolineato il ministro in un post Facebook.