L'italiana sposa del granduca Romanov: "Putin non è un nuovo zar, ma un grande presidente"

·1 minuto per la lettura
(Photo: Peter Kovalev Peter Kovalev/TASS)
(Photo: Peter Kovalev Peter Kovalev/TASS)

Ora bisogna chiamarla “Altezza imperiale”. L’italiana Rebecca Bettarini ha sposato l’erede dell’ultimo zar, il granduca George Mikhailovich Romanov. Da cent’anni non si celebrava un matrimonio così in Russia. Duemila invitati in chiesa, oltre 500 alla cena: il mondo intero ne parla. Bettarini al Corriere della sera ha raccontato la sua storia d’amore.

“Il mio amore per George è un sentimento che va avanti da molti anni, e abbiamo condiviso tante cose in questo tempo, sono entrata nel ruolo man mano. Poi certo mi fa impressione sapere che la tiara di Chaumet che ho indossato finirà in museo, è patrimonio storico ormai. Ci siamo conosciuti adolescenti alle feste di discendenti di varia aristocrazia, tutti un po’ imparentati tra loro... anche nella famiglia di mio padre ci sono legami aristocratici. Anni dopo ci siamo rivisti a Bruxelles quando lavoravamo entrambi in Belgio”

Il cognome Romanov porta con sé la storia della Russia, ma la famiglia ora non ha più ambizioni politiche:

“Proprio no, non ci interessa. Come dice mio marito: abbiamo già guidato il Paese per trecento anni, adesso tocca ad altri. Putin? Chiamarlo zar è una semplificazione che piace all’estero, ma Putin non è un nuovo zar... semmai un grande presidente, ha fatto un lavoro magnifico e gli auguriamo di continuare a farlo. Mio marito ed io, con il nome dei Romanov, siamo felici di continuare la storia culturale della famiglia, le tradizioni, i valori”


Dopo le nozze come è tradizione, Bettarini è andata a deporre il bouquet nuziale sulla tomba degli ultimi zar, dove anche i nonni del marito sono sepolti, alla Fortezza dei Santi Pietro e Paolo.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli