Lite a colpi di tweet tra Elon Musk e Bernie Sanders

·1 minuto per la lettura
Elon Musk
Elon Musk

Un botta e risposta senza esclusione di colpi quello tra il miliardario Elon Musk e il Sentatore democratico per il Vermont Bernie Sanders. La loro “lite” è avvenuta a colpi di tweet e riguarda l’argomento tasse.

Musk contro Sanders: il botta e risposta su Twitter

Il Senatore Sanders riportato nel suo tweet: “Dobbiamo esigere che gli estremamente ricchi paghino la loro giusta quota. Punto”. Senza troppi giri di parole Sanders fa sapere il suo punto di vista. La prima risposta di Elon Musk è stata: “Mi ero dimenticato che fossi ancora vivo“, decisamente una caduta di stile da parte del miliardario. Successivamente ha tweettato: “Vuoi che venda altre azioni Bernie? Basta dirlo…“.

La motivazione del tweet di Sanders e l’opinione di Musk

Non è infondata questa lite tra Sanders e Musk. Il senatore, insieme a tanti altri colleghi, ha proposto una legge che prevede di tassare gli utili non realizzati delle 700 persone più ricche degli Stati Uniti. Musk, insieme ad altri miliardari, aveva già manifestato il suo dissenso nei confronti di questa legge definendola inutile e suggerendo piuttosto al governo di ridurre la spesa pubblica.

Per pagare le tasse volute da Sanders, Elon Musk ha venduto 6,9 miliardi di titoli Tesla

Il secondo tweet di Elon Musk fa invece riferimento ad un’azione eseguita dal miliardario nei giorni scorsi. Il patron di Tesla aveva chiesto ai suoi seguaci su Twitter se dovesse vendere il 10% della sua partecipazione in Tesla per evitare il rischio di pagare delle imposte sui profitti non realizzati. Nel sondaggio ha vinto il si con il 58% dei voti e quindi Musk ha venduto una parte delle sue azioni proprio per pagare le tasse.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli