Litiga con ragazzi al bar e spara fucilata contro loro auto

webinfo@adnkronos.com

Litiga con alcuni ragazzi, torna a casa, prende un fucile e spara contro l'auto dei suoi 'rivali'. Adesso per S.B., 26 anni, sono scattate le manette con l'accusa di tentato duplice omicidio. I carabinieri hanno dato esecuzione a un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip di Enna a conclusione di una complessa attività investigativa, che ha permesso di ricostruire quanto avvenuto lo scorso 28 dicembre. Quella sera in un locale di Barrafranca il 26enne ha avuto una lite, sfociata poi in una vera e propria colluttazione, con alcuni ragazzi del luogo per futili motivi.  

Dopo averli minacciati, il giovane si è allontanato probabilmente per andare a recuperare un'arma. Così preso un fucile, si sarebbe appostato sotto casa di uno dei ragazzi con cui aveva litigato e, quando lo ha visto passare a bordo di un'auto, avrebbe sparato. I giovani a bordo della vettura, però, si sono accorti in tempo dell'agguato, hanno accelerato e sono riusciti a scappare. Subito dopo si sono recati in caserma per denunciare quanto accaduto. I carabinieri si sono messi immediatamente sulle tracce del 26enne che poco dopo è stato rintracciato insieme all'auto utilizzata per gli spostamenti. Le indagini hanno consentito di scoprire che B. quella sera dopo aver sparato tornò nuovamente nel bar mostrando una cartuccia di fucile agli altri ragazzi che erano rimasti nel locale. L’arrestato, dopo le formalità di rito, è stato condotto nel carcere di Enna a disposizione dell’autorità giudiziaria.