Live-Non è la D’Urso: scontro Brosio-Abbate su castità dei vescovi

PAolo Brosio Live-Non è la D'Urso

L’inizio della puntata di Live-Non è la D’Urso è segnata da un dibattito relativo alla castità di preti e suore: presenti, tra gli altri, Paolo Brosio, Carmelo Abbate e Rebecca De Pasquale.

Brosio a Live-Non è la D’Urso

In studio si è inizialmente presentata Angela, una ex suora rimasta in convento per 11 anni. Una volta uscita, ha incontrato un uomo di cui si è innamorata e da cui ha avuto due figlie. Il marito però l’ha lasciata poco dopo in quanto non era più attratto.

Barbara D’Urso ha poi mostrato il video di una suora che per 21 anni ha intrattenuto una relazione con un prete. Ha raccontato di averlo conosciuto in parrocchia: prima erano amici intimi e poi la loro storia è nata in maniera naturale. Ha infine dichiarato che secondo lei la Chiesa dovrebbe capire che l’amore per gli altri e l’amore di Dio non vanno in conflitto con quello verso una donna. In studio c’è chi ha commentato sottolineando il fatto che a differenza di preti e monaci, i vescovi non fanno voto di castità ma soltanto di celibato.

Quanto visto è bastato per suscitare il commento di Carmelo Abbate, secondo cui la Chiesa sia un castello costruito sopra una montagna di bugie. Ha infatti spiegato di aver partecipato a diversi festini in cui uomini con incarichi sacerdotali si sono comportati in maniera non consona. A lui ha risposto irato Paolo Brosio, che non ha accettato la generalizzazione e ha intimato l’accusatore di stare zitto. Lo scontro continua con il primo che continua a definire l’istituzione religiosa fondata sull’inganno e il secondo che chiede alla conduttrice di non farlo più parlare. “Ricorda che il grande accusatore è Satana!“, ha concluso Brosio. Non prima di gettare acqua santa contro il giornalista e benedire lo studio di Live.