Live-Non è la D’Urso, Cicciolina difende figlio denunciato per droga

Live-Non è la D'Urso Ilona Staller

Dopo la denuncia nei confronti del figlio Ludwing, Ilona Staller è intervenuta a Live-Non è la D’Urso per difenderlo dalle accuse. La donna, meglio nota come Cicciolina, ha spiegato che suo figlio, accusato di detenzione di droga, è stato vittima di ingenuità.

Ilona Staller da Barbara D’Urso

La vicenda che ha coinvolto il giovane ha avuto inizio il 19 ottobre 2019, quando è stato fermato dai Carabinieri. Essendosi mostrato nervoso e avendo provato ad allontanarsi, questi hanno fatto scattare la perquisizione domiciliare.

A casa sua le forze dell’ordine hanno trovato un bilancino di precisione nascosto sotto una mattonella e degli oggetti usati per pesare la droga, oltre a due bustine contenenti un grammo di eroina. Ma c’è di più. Perquisendo un’altra camera da letto, vi hanno trovato tre cittadini gambiani che stavano riposando. Accanto a loro una valigia piena di soldi e droga. Per i tre ragazzi sono scattate immediatamente le manette, sotto gli occhi di una Ilona sconvolta e turbata.

Negli studi di Canale 5 questa ha detto che il figlio li aveva ospitati per generosità, ignaro di tutto ciò che avevano appresso. Ha ammesso di essere a conoscenza soltanto della presenza di un ragazzo che aveva bisogno di un alloggio per qualche giorno perché non sapeva dove andare. Ma continua a ribadire che Ludwing non aveva la minima idea del fatto che avessero della droga con sé.

Ilona Staller ha poi chiarito a Live-Non è la D’Urso che il figlio ha cercato di fuggire dai Carabinieri perché girava con lo scooter senza assicurazione, dunque temeva che potessero toglierglielo.