Live-Non è la D’Urso, Llona Staller: “Mio figlio Ludwig è innocente”

Llona Staller

Ospite nel salotto di Barbara D’Urso a Live – Non è la D’Urso, Llona Staller, ovvero Cicciolina, torna a parlare della questione di droga che ha visto coinvolto il figlio Ludwig Koons.

GUARDA ANCHE - Ilona Staller a La Confessione, quando era una spia ungherese: "Temevo mi ammazzassero"

Le dichiarazioni di Llona Staller

Mio figlio è innocente, ha peccato di ingenuità quando quel ragazzo gli ha chiesto di ospitarlo qualche giorno a casa sua”, ha dichiarato Llona Staller ospite della D’Urso. In particolare la pornostar ha sottolineato come il bilancino e l’eroina non erano del figlio, bensì di un altro ragazzo che il figlio aveva ospitato nell’abitazione.

Non è stata trovata la valigia di Ludwig con la droga, ma la valigia del ragazzo nero”, ha dichiarato Cicciolina dopo le critiche subite dagli sferati per aver definito ripetutamente il ragazzo “nero”. “Innanzitutto vorrei dire che moltissime cose i giornali e giornalisti non scrivono così, mio figlio è innocente e ha peccato di ingenuità. Ha ospitato questo ragazzo di colore, ha chiesto di essere ospitato per qualche giorno perchè era un senza tetto, mio figlio non sapeva che questo nero nero aveva una valigia grande grande”. Per poi aggiungere: “Mio figlio non è così deficiente, non ospiterebbe una persona con tutte queste cose dentro”.

Proprio per dimostrare le prove dell’innocenza del figlio, Llona Staller è pronta a portare in studio la prossima volta delle prove. “Ci sono prove ben precise”, ha infatti dichiarato la donna, che ha voluto sottolineare come “Ludwig non è stato in carcere. Disconosce tutte queste cose”.

GUARDA ANCHE: Le iene, Rocco Siffredi reagisce male all'intervista di Cicciolina