Ll Governo chiude le scuole “prudenzialmente” fino al 15 marzo

Ll Governo chiude le scuole “prudenzialmente” fino al 15 marzo

Roma, 4 mar. (askanews) – Una chiusura delle scuole e università per l’emergenza coronavirus disposta “in via prudenziale” fino al 15 marzo, dopo una giornata in cui la notizia era rimbalzata dalle agenzie per poi essere messa in stand-by dalla ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina, che a metà giornata aveva dichiarato che non c’era alcuna chiusura “per il momento”. Alla fine invece il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha annunciato la decisione che aveva lasciato il Paese col fiato sospeso per ore:

“Abbiamo fatto un’ampia valutazione avvalendoci dell’ausilio tecnico e dell’esperto, del professor Brusaferro, l’orientamento del Consiglio dei ministri è stato di disporre in via prudenziale la chiusura delle scuole”.

Conte – che ha definito “improvvide” le anticipazioni filtrate a metà giornata – ha poi precisato di aver chiesto a Brusaferro un approfondimento specifico sulla sospensione delle attività didattiche.

La ministra Azzolina ha spiegato: “Per il governo non è stata una decisione semplice, abbiamo aspettato anche il parere del comitato tecnico-scientifico e abbiamo deciso prudenzialmente, visto che la situazione epidemiologica cambia velocemente di sospendere le attività didattiche al di fuori della zona rossa fino al 15 di marzo da domani. So che è una decisione d’impatto, come ministra dell’Istruzione spero che i miei alunni tornino al più presto a scuola e mi impegno a far sì che il servizio pubblico essenziale, se pure a distanza, venga fornito a tutti i nostri studenti”.