Lo afferma il responsabile Esteri e numero due della Lega, in una intervista a Repubblica

·1 minuto per la lettura
Giancarlo Giorgetti
Giancarlo Giorgetti

Le elezioni Usa 2020 hanno decretato la vittoria del democratico Biden, delusione quindi per la Lega di Matteo Salvini che tifava per il rivale Donald Trump. Il partito fondato da Umerto Bossi, ora, dovrebbe cambiare alcune delle sue strategie. A confermarlo è nientemeno che il numero due della lega, Giancarlo Giorgetti, responsabile Esteri del partito, in una intervista a Repubblica.

Elezioni Usa, la posizione della Lega

“Siamo assolutamente interessati a dialogare con l’Amministrazione Biden – ha iniziato Giorgetti – . Questo, continua, “è importante farlo se vogliamo davvero andare al governo in Italia“. E ancora: “Per noi non cambia nulla. Restiamo fermi nella collocazione atlantica, che diventa ultra-atlantica su determinati temi, ad esempio sul 5G”.

Il leader leghista Matteo Salvini, per le sue parole in favore di Trump, negli ultimi giorni prima dell’ufficialità della vittoria di Biden del 7 novembre, aveva dichiarato: “Ha ragione Trump, fa bene a chiedere di controllare voto per voto. Ci sono posti dove ci sono più voti che votanti. Ci saranno sorprese, aspettatevele. Confido che possano arrivare delle sorprese”. Parole che il tabloid inglese The Independent ha usato per dare vita a un vero e proprio sfottò nei confronti del leghista. Venerdì 6 novembre, infatti, ha pubblicato un articolo dal titolo “La cheerleader di Trump diffonde teorie cospirazioniste sul voto senza fondamento“.

Questioni comunque che non hanno interessato più di tanto Biden, che una volta avuto conferma della vittoria ha dichiarato: “America, sono onorato che tu abbia scelto me per guidare il nostro grande paese. Il lavoro sarà duro ma prometto che sarò il Presidente di tutti gli americani – sia chi mi ha votato sia chi non lo ha fatto. Non tradirò la fiducia che hai riposto in me“.