Lo chef francese che ha fatto causa alla Michelin per aver perso una stella

sonia montrella

Il famoso chef francese Marc Veyrat non ci sta e trascina in tribunale la Guida Michelin, ‘colpevole' di aver tolto al suo ristorante la terza stella. La Maison des Bois (Casa nel bosco) di Manigod, sulle Alpi francesi, è tornata a ‘sole' due stelle a gennaio, un anno dopo aver ottenuto il massimo riconoscimento in ambito culinario. Da allora, lo chef savoiardo - assicura lui stesso - è caduto in una profonda depressione e ora auspica che l'azione legale possa costringere gli ispettori del cibo a fornire prove e a “chiarire l'esatto motivo della decisione”.

Veyrat aveva detto infuriato di non voler più le stelle. La Michelin aveva risposto, dicendo che le stelle se le doveva tenere, perché “non appartengono agli chef, quindi non è loro responsabilità accettarle o restituirle” e sostenendo di aver fornito documenti giustificativi del loro passaggio a un ufficiale giudiziario.

Ora lo chef francese è tornato alla carica e, in un'intervista a France Inter Radio, si è scagliato contro i critici gastronomici della celebre guida dicendo: “Come osano asserire che c'è del cheddar nel soufflé di reblochon, beaufort e tomme? Ho usato dello zafferano e i signori hanno dedotto fosse cheddar solo perché era giallo”.Veyrat ha inoltre fatto sapere che la rimozione della stella a La Maison des Bois lo ha “disonorato”, un duro colpo che fa male “peggio di una ferita”. "Anzi, un'offesa profonda. Per me è irreparabile”. A peggiorare il tutto, il fatto che “non ci sia stata nessuna notifica o allerta preventiva da parte degli ispettori”.

Da parte sua, la Guida ha commentato: “Comprendiamo la delusione del signor Veyrat del quale nessuno contesta il talento, anche se ci rammarichiamo per la sua irragionevole insistenza nell'accusare e comunicare in modo rumoroso. Vogliamo ricordare che il nostro primo dovere consiste nell'informare i consumatori e questo ci ha portato a rivedere le nostre indicazioni. Ora studieremo le sue domande con attenzione e risponderemo serenamente”. L'appuntamento in tribunale è per il prossimo 27 novembre a Nanterre.

Marc Veyrat è uno chef francese dell'Alta Savoia, specializzato in gastronomia molecolare e nell'uso di piante ed erbe di montagna. Nel 2015, Veyray si è visto comminare una multa di 100 mila euro per aver raso al suolo 7 mila metri quadri di foresta protetta vicino al suo ristorante sul passo montano del Colle della Croce, al confine con la Svizzera.