Lo scioglimento dei ghiacci potrebbe rilasciare virus di 15 mila anni fa

Lo scioglimento dei ghiacciai potrebbe rilasciare virus molto vecchi e potenzialmente pericolosi. Un team di ricerca composto da scienziati cinesi e statunitensi ha esaminato due campioni di ghiaccio di 15.000 anni fa prelevati dall'Altopiano tibetano, rilevando 33 virus, molti dei quali sono risultati sconosciuti. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista bioRxiv. Dopo aver scavato per 50 metri nell'Altopiano del Tibet, per indagare su eventuali agenti patogeni giacenti all'interno del ghiacciaio, i ricercatori hanno scoperto 28 nuovi virus dall'azione sconosciuta.

Nello scenario peggiore, secondo la ricerca, i virus potrebbero essere rilasciati nell'atmosfera a seguito del riscaldamento globale e dello scioglimento del ghiaccio. Il progetto, durato 5 anni, ha avuto inizio con la rimozione dello strato superiore del ghiaccio (circa mezzo centimetro), successivamente decontaminato con un lavaggio in etanolo e acqua. Il team ha quindi applicato tecniche genetiche e microbiologiche per registrare il Dna all'interno dei due campioni di ghiaccio.

"Questa è una nuova eccitante area di ricerca per noi", afferma Lonnie Thompson, coautore dell'articolo. "Il ghiaccio ospita diversi microbi, ma i virus associati e il loro impatto sui microbiomi del ghiaccio sono ancora inesplorati", aggiunge. Non essendo stata ancora sottoposta a revisione paritaria, la ricerca non è stata ancora commentata dagli autori, che però evidenziano il grande interesse nello studio di virus estinti sepolti nei ghiacciai, che rappresentano uno dei motivi di preoccupazione per gli scienziati a causa dell'aumentare continuo del tasso di scioglimento. ù

"Come minimo, tutto questo potrebbe portare alla perdita di archivi microbici e virali, ma nel peggiore dei casi, lo scioglimento del ghiaccio potrebbe rilasciare agenti patogeni nell'ambiente", scrivono i ricercatori.

Scott Rogers, un professore della Bowling Green State University e autore del libro "Scongelare antichi microbi: genomi emergenti in un mondo più caldo", scrive che "questa situazione potrebbe scatenare una piaga incurabile che potrebbe compromettere l'esistenza della vita sul pianeta. I pericoli racchiusi nel ghiaccio sono reali e, con gli aumenti dello scioglimento del ghiaccio in tutto il mondo, aumentano anche i rischi derivanti dal rilascio di microbi patogeni nell'ambiente".

Stando a quanto riportato dall'autore, un microbo a lungo inattivo è stato già rilasciato dal ghiaccio, visto il focolaio di antrace in Serbia del 2016, attribuito al disgelo del permafrost, durante il quale 8 persone sono risultate positive all'antrace, una malattia potenzialmente fatale per gli esseri umani.