Lo scontro epistolare tra Conte e Salvini

filippo frignani

Bolla il comportamento del suo ministro dell'Interno sul caso Open Arms come l'"ennesimo" e "inaccettabile" "esempio di sleale collaborazione" e anche se il governo è ormai agli "sgoccioli" rimprovera al titolare del Viminale "strappi istituzionali" dettati dalla "foga politica e dall'ansia di comunicare". Lo scontro tra Giuseppe Conte e Matteo Salvini è al calor bianco. A meno di una settimana dall'intervento che terrà in Senato, il presidente del Consiglio pubblica un lettera aperta indirizzata al leader della Lega, ultimo atto di un duello che va avanti da settimane. La replica di Salvini è altrettanto decisa: "Confesso la mia 'colpa', caro Presidente, la mia 'ossessione' nel contrastare ogni tipo di reato compresa l'immigrazione clandestina. Faccio il Ministro per difendere i confini, la sicurezza, l'onore, la dignità del mio Paese".

Il casus belli - stavolta - sono le comunicazioni d'ufficio che Conte ha inviato ieri a Salvini per invitarlo 'nel rispetto della normativa in vigore, ad adottare con urgenza i necessari provvedimenti per assicurare assistenza e tutela ai minori' a bordo della Open Arms. "Con mia enorme sorpresa - scrive il presidente del Consiglio - ieri hai riassunto questa mia posizione attribuendomi, genericamente, la volontà di far sbarcare i migranti a bordo". Un affronto che l'inquilino di Palazzo Chigi giudica intollerabile. Conte ricorda la complessità del tema dell'immigrazione che va affrontato, afferma, "con una politica di ampio respiro" ed "evitando di lasciarci schiacciare dai singoli casi emergenziali".

Ricorda anche la strategia adottata dal governo "ispirata alla tutela dei diritti fondamentali e, in particolare, della dignità della persona e alla protezione dei nostri interessi nazionali", e i contatti con gli altri Paesi Ue sulla redistribuzione dei migranti sbarcati nei porti italiani. Infine Conte lancia un richiamo al rispetto delle istituzioni: "Il consenso politico a cui ogni leader politico aspira si nutre della fiducia degli elettori. Ma se non alimentiamo la fiducia dei cittadini nelle istituzioni pubbliche si crea un cortocircuito e alla fine prevalgono rabbia e disaffezione. Hai alle spalle e davanti una lunga carriera politica. Molti l'associano al potere. Io - conclude - l'associo a una enorme responsabilità".

Salvini: "Sono stato leale è sempre lo sarò"

Salvini invia la risposta su Facebook da Castel Volturno, dove si trova per la riunione del Comitato nazionale per l'ordine pubblico e la sicurezza. Quasi a voler rimarcare la distanza che li divide, invece del confidenziale 'tu' usa il 'lei' per rivolgersi al premier. "Leggo con stupore che mi rimprovera una 'ossessione' per i 'porti chiusi', parla di rabbia, slealtà, ansia, foga e altro ancora. Sono stato leale e sempre lo sarò nel pieno rispetto di ogni carica istituzionale e, prima di tutto, nei confronti dei cittadini che incontro e che mi chiedono di intervenire", rivendica.

Snocciola poi i dati conseguiti negli ultimi dodici mesi sul fronte della sicurezza (il calo a doppia cifra degli omicidi, dei furti, delle rapine e delle violenze sessuali) e sul contrasto all'immigrazione (-80% rispetto allo scorso anno) e ribadisce che fin quando rimarrà al governo "i porti sono e rimarranno chiusi ai trafficanti e ai loro complici stranieri". L'ultima stoccata è sui rapporti con i partner europei: "Senza questa fermezza, l'Unione Europea non avrebbe mai mosso un dito, lasciando l'Italia e gli Italiani soli come ha fatto negli anni dei governi di Renzi e del Pd".