Lo scontro tra barche all'Argentario forse è stato causato dal pilota automatico

Vigili del Fuoco

AGI - Potrebbe esserci l'utilizzo del pilota automatico da parte del conducente dello yacht fra le possibili cause della collisione fra le due barche - una a vela e una a motore - in cui sabato pomeriggio nel tratto di mare fra il promontorio dell'Argentario e l'Isola del Giglio, in provincia di Grosseto, ha perso la vita un uomo, mentre una donna è ancora dispersa in mare.

Secondo una prima e ancora sommaria ricostruzione, l'imbarcazione a motore dove si trovavano a bordo quattro turisti danesi sarebbe finita a velocità sostenuta contro la barca a vela su cui c'erano sei persone originarie di Roma proprio a causa dell'utilizzo del pilota automatico.

È anche su questa eventualità che stanno lavorando i militari della Guardia Costiera, impegnati in queste ore ad interrogare le persone coinvolte nell'incidente. Fra le ipotesi di reato, la Procura della Repubblica di Grosseto sta valutando al momento quelle di naufragio, omicidio colposo e lesioni.

#Grosseto, scontro imbarcazioni al largo dell'isola del #Giglio: elicottero dei #vigilidelfuoco del reparto volo di Cecina in ricognizione aerea, proseguono le ricerche della persona dispersa [#23luglio 20:30] pic.twitter.com/hd6hynyP3z

— Vigili del Fuoco (@vigilidelfuoco) July 23, 2022

Intanto sono proseguite per tutta la notte, e stanno andando avanti anche questa mattina, le ricerche della donna dispersa nella collisione. Nello scontro in cui ha perso la vita un uomo e altre quattro persone sono rimaste ferite, è caduta in acqua anche una donna di cui si sono perdute le tracce. Le ricerche sono coordinate dalla Guardia Costiera.

La vittima è un uomo di Roma di mezza età. Originari della capitale anche i feriti. Il più grave è un 60enne, trasportato in elisoccorso all'ospedale Misericordia di Grosseto dove è adesso ricoverato ma non in pericolo di vita.

Due delle quattro persone rimaste ferite sono state dimesse: sono le due donne di 59 e 61 anni che si trovavano a bordo della barca a vela. Un altro ferito,un 60enne, è ancora in osservazione al pronto soccorso dell'ospedale di Orbetello.

L'incidente

Sulle dinamiche dell'incidente, si legge in una nota della Guardia costiera, "sono in corso le indagini dei militari dell'Ufficio circondariale marittimo di Porto Santo Stefano. Da una prima ricostruzione dei fatti è emerso che a bordo del motoscafo, condotto da un uomo, erano presenti quattro cittadini di nazionalità danese mentre sulla barca a vela erano invece presenti sei persone di nazionalità italiana". Le due imbarcazioni coinvolte nell'incidente sono state poste sotto sequestro.

 

 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli