Lo scontro tra Marta Collot e Carlo Calenda

webinfo@adnkronos.com

"Carlo Calenda non può ergersi a paladino dei giovani perché se la situazione giovanile è quella di oggi è forse per un sistema neoliberista di cui tutta la classe dirigente presente oggi in Italia è stata responsabile". Così Marta Collot (Potere al Popolo) ospite di 'DiMartedì. "Il povero Cottarelli non può parlare perché è Fondo monetario, io non posso parlare perché sono un liberista accanito secondo la sua versione - replica Calenda - faccia un soliloquio e funziona meglio". "E' come se io le dicessi 'lei non può parlare perché ha i capelli rossi, ma che ragionamento è?".