Lo scrittore indiano Amitav Ghosh a Roma per parlare di sostenibilità e ambiente

·1 minuto per la lettura

In occasione dell'uscita del suo libro in versi "Jungle nama. Il racconto della giungla", edito da Neri Pozza, lo scrittore indiano Amitav Ghosh sarà in Italia per incontrare i lettori e parlare loro di ambiente e cambiamento climatico, servendosi anche delle sue rime. Il volume, dedicato all'armonia tra uomo e cosmo, narra di un’antica leggenda, custodita nel cuore delle Sundarban, la più grande foresta di mangrovie del mondo. È quella di Dokkhin Rai, spirito terribile che, spargendo il terrore, detta la sua legge e regna incontrastato. Sotto le sembianze di una tigre, compare all’improvviso al cospetto degli sventurati che osano avventurarsi nel suo reame e li divora. Il libro è arricchito dai disegni da Salman Toor.

Amitav Ghosh sarà nella capitale il 15 novembre (alle 11,30) presso l'Istituto Europeo di Design, Ied, dove terrà una Lectio magistralis intitolata "What Do We Miss When We Speak of Sustainability?", che sarà trasmessa in live streaming su morethanmonday.ied.it Mentre la sera, alle 19, al Teatro Piccolo Eliseo di Roma, Marina Forti e Stefano Liberti dialogano con Ghosh, accompagnati da Letture di Giuseppe Cederna.

Ghosh, figlio di un diplomatico, è nato a Calcutta nel 1956, ha studiato a Oxford e attualmente vive tra Goa e New York. Considerato tra i più grandi scrittori indiani, ha lavorato come giornalista e antropologo prima di trasferirsi in Kerala e poi negli Stati Uniti, dove ha conosciuto la moglie Deborah Becker. Per lungo tempo ha insegnato scrittura creativa alla Columbia University di New York ed è stato corrispondente per il "New Yorker".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli