Lo sfogo via social del primo cittadino pugliese

·1 minuto per la lettura
Covid sindaco perde pazienza
Covid sindaco perde pazienza

Il coronavirus viaggia ancora a grande velocità in tutta Italia e purtroppo dopo un anno sono ancora molti i comportamenti irresponsabili messi in atto da alcuni cittadini che decidono di riunirsi in feste clandestine ed incontri al limite dal momento che c’è un pandemia in corso. È da questo concetto che è partito il sindaco di San Giovanni Rotondo, Michele Crisetti, che in un video pubblicato sulla sua pagina Facebook si mostra molto arrabbiato nei confronti di coloro che hanno fatto schizzare in alto i contagi del territorio, passati nell’arco di un mese da 39 a 139.

Covid, il sindaco perde la pazienza

Non posso tacere – dice con tono irritato il primo cittadino Crisetti – sono deluso, amareggiato e arrabbiato. C’è una piccola parte che continua a fregarsene e per colpa di queste ci sono persone che si trovano in una situazione grave. Di covid si muore e si può morire, se ancora non lo avete capito”.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Il sindaco San Giovanni Rotondo ce l’ha con coloro che continuano a fregarsene della realtà in cui vivono e che antepongono l’interesse personale a quello comunitario. Un comportamento che porta il primo cittadino del comune in provincia di Foggia a definire dei cretinicoloro che continuano a comportarsi come se nulla fosse. Poi l’appello ai cittadini in vista del fine settimana festivo: “Facciamo un regalo per Pasqua – ha detto il sindaco – comportiamoci bene nella consapevolezza che si sta facendo uno sforzo economico e sanitario per uscire quanto prima”