Lo stabilisce un emendamento passato in Commissione bilancio dove il decreto è in esame

·2 minuto per la lettura
Niente tamponi per i bimbi sotto i 6 anni: emendato il "Sostegni bis"
Niente tamponi per i bimbi sotto i 6 anni: emendato il "Sostegni bis"

Dl Sostegni bis emendato in Commissione Bilancio della Camera nei giorni dell’esame: sotto i sei anni di età stop al tampone per motivi di viaggio e via dunque l’obbligo per i bambini che rientrino in quella specifica fascia di età. A stabilirlo dunque è un preciso emendamento al decreto Sostegni bis approvato in commissione Bilancio, voce per la quale i bambini sotto i 6 anni non hanno l’obbligo di sottoporsi al tampone per motivi di viaggio. E quello stesso emendamento prevede inoltre altre specifiche: per quella fascia di età non ci sarà bisogno del green pass per partecipare a banchetti con meno di 60 partecipanti.

Sotto i sei anni stop al tampone per viaggio e niente quarantena se non la fanno i genitori

Inoltre, punto questo molto netto, i minori non devono essere sottoposti a quarantena se la restrizione non sia stata imposta ai genitori. In buona sostanza l’emendamento in questione tende a “snellire” le procedure comportamentali normate in punto di legiferato su una categoria e fascia di età che per ovvi motivi vive “a traino” assoluto dei genitori e che risente in maniera diretta dei loro comportamenti.

Per i bambini sotto i sei anni stop al tampone per viaggio: le ragioni dell’emendamento

Che significa? Che se i genitori in procinto di fare un viaggio hanno effettuato il tampone di controllo o sono in possesso di un green pass per uno degli altri motivi normati è molto improbabile che per la prole sotto i sei anni si creino le condizioni per estendere le verifiche ad essa. A quell’età un bambino è in interazione totale con l’ambiente familiare infatti. Il Dl Sostegni bis è in discussione nella sede della Commissione in questi giorni: l’esame era iniziato il 6 luglio scorso.

Sotto i sei anni stop al tampone per viaggio: Il Dl Sostegni bis e gli interventi

Il decreto 73/2021 tenuto a battesimo dal governo presieduto da Mario Draghi in Consiglio dei ministri ad inizio maggio di quest’anno contiene tutta una serie di misure di intervento diretto sui settori più “vulnerabili” della società, sia da un punto di vista economico che di profilassi e mira ad “accompagnare” la ripresa economica e sociale dopo l’arrivo della pandemia in Italia. Si va dai nuovi stanziamenti per il “bonus auto” allo snellimento dei concorsi per la scuola fino ai tamponi gratis per permettere alle persone più fragili di avere comunque il green pass. Ci sono poi misure più tarate sull’economia reale, come i 60 milioni di euro per sostenere le imprese operanti nel settore wedding, di organizzazione di feste e di cerimonie.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli