Lo struggente testamento morale dell’amata moglie di Fabio Liverani morta per un tumore

Federica, l'amata moglie di Fabio Liverani
Federica, l'amata moglie di Fabio Liverani

Aiutare chi ha provato a salvarla, ecco l’ultimo desiderio di Federica ed ecco qual è lo struggente testamento morale dell’amata moglie di Fabio Liverani morta per un tumore. La giovane moglie dell’allenatore del Cagliari calcio è scomparsa in maniera tragica in queste ore e i messaggi di affetto e sincero cordoglio per la famiglia sono arrivati a migliaia in poche ore. Club, allenatori, calciatori, tifosi, gente comune ed amici, tutti hanno avuto una parola per provare a lenire quella tragedia. Federica Liverani era madre di due figli, Mattia e Lucrezia rispettivamente di 17 e 13 anni.

VIDEO - Liverani: "Esonero? Ci sta nel calcio"

Federica dice di aiutare chi ha provato a salvarla

E proprio nelle ore successive alla morte di sua moglie un distrutto Fabio Liverani ha pubblicato un messaggio sui suoi profili social. In quel post Liverani ha voluto ringraziare tutti, informando che il funerale della moglie è previsto per domani, giovedì 22 settembre alle ore 11 presso la Chiesa di San Giuseppe Cafasso in Via Camillo Manfroni, a Roma. Poi il mister cagliaritano ha svelato l’ultimo desiderio della sua compagna di vita, quello di aiutare chi ha provato fino in fondo a salvarla.

Il post di Liverani sulle volontà della moglie

“Federica ha espresso il desiderio di aiutare IFO, la struttura che ha offerto a lei e alla nostra famiglia un supporto tanto prezioso e importante. Per chi lo desiderasse, vi chiediamo di effettuare un bonifico alle seguenti coordinate bancarie. Sarà cura delle famiglie Frangipane e Liverani approntare un progetto di solidarietà in memoria della nostra amata Federica. Emiliano Frangipane. IT88F3608105138269349369480 Causale: Per IFO Medicina Oncologica in memoria di Federica Frangipane“. Di cosa si tratta? Degli Istituti Fisioterapici Ospedalieri, una organizzazione che “promuove processi di accoglienza e umanizzazione delle cure” sviluppando una sorta di “percorso oncologico”, che aiuta il paziente e la sua famiglia nel percorso di cure della malattia.