Lo studente egiziano Patrick Zaki cambierà carcere

·1 minuto per la lettura

AGI - Per Patrick Zaki si profila il trasferimento in un altro carcere perché il maxi penitenziario di Tora, al Cairo, va verso la chiusura: a riferirlo sono stati i genitori dello studente egiziano dell'Università di Bologna in arresto in Egitto dal febbraio del 2020, citati da un post sui social degli attivisti 'Patrick Libero' in cui si esprime il timore che le condizioni di detenzione possano essere anche peggiori.    

 

Today Parick's parents visited him at Tora prison and he told them that he's been informed that the Tora prison facility is shutting down which means he will have to be moved to another detention facility.
For the full statement: https://t.co/yPFSOwt7IN#FreePatrickZaki pic.twitter.com/terS9iml6n

— FreePatrick (@FreePatrick3) November 6, 2021

 

E' stato lo stesso ricercatore 30enne a comunicare ai genitori di essere "stato informato che la struttura della prigione di Tora sta chiudendo, il che significa che dovrà essere trasferito in un'altra struttura di detenzione". Gli attivisti precisano che non ci sono state comunicazioni ufficiali e quindi non si sa "quando e dove" Patrick "sarà trasferito", ma c'è preoccupazione che possa finire "in una prigione con condizioni di vita peggiori".     

"Quello che sappiamo è che non sarà trasferito nel nuovo complesso carcerario di Wadi El Natroun, perché la struttura è solo per detenuti e non per detenuti politici", si legge nel post, "c'è ansia anche perché nel primo periodo in un nuovo carcere non sono ammesse visite, quindi Patrick sarà lasciato senza rassicurazioni, forse cibo, vestiti o necessità di base, fino a quando la sua famiglia sarà autorizzata a visitarlo di nuovo". 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli