Lo studente incarcerato in Egitto e in attesa di una sentenza non li tagliava ormai dal 2020

Patrick Zaki con il nuovo taglio
Patrick Zaki con il nuovo taglio

Patrick Zaki si taglia i capelli per donarli a chi ne ha bisogno, lo studente incarcerato in Egitto e in attesa di una sentenza non li tagliava ormai dal 2020. Ecco che quindi la folta chioma di Patrick, quella che lo aveva accompagnato nei durissimi e lunghi 22 mesi di detenzione in Egitto, è diventata una “treccia” che ha un duplice scopo.

Addio codino, Patrick Zaki si taglia i capelli

Da un lato quello simbologico di “tagliare con un passato” di sofferenza, poi quello pratico di essere di aiuto a chi ha bisogno di capelli. Sette mesi dopo la sua scarcerazione lo studente dell’università di Bologna ha deciso di tagliarsi i capelli che da tempo teneva legati in un codino. Ha scritto Zaki in una storia Instagram in cui compare anche la sua foto con il nuovo look: “Il mio ultimo taglio di capelli era stato nel 2020 prima di tornare in Egitto”.

L’aiuto dei follower per quella “umile donazione”

“Alla fine ho fatto il passo di tagliarli per la prima volta dopo tre anni”. E ancora: “Sono pronto a donarli a qualcuno che ne trarrà beneficio”. E il post Instagram di Patrick con cui il giovane dichiara le sue intenzioni diventa presto virale, questo in attesa di un aiuto da parte dei follower per trovare “un’organizzazione benefica che possa accettare la mia umile donazione”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli