Lo studio: "Rinvio richiamo rafforza effetto AstraZeneca"

·1 minuto per la lettura
(foto Getty Images)
(foto Getty Images)

Il rinvio dell'intervallo fra prima e seconda dose dei vaccini anti Covid elaborati dall'Università di Oxford e prodotti da AstraZeneca fino a un massimo di ben 45 settimane non solo non incrementa il rischio di stimolare le varianti del virus, ma rafforza l'impatto immunitario e l'efficacia dell'antidoto

E' il risultato di un nuovo studio aggiornato reso noto dallo stesso ateneo britannico: studio che di fatto indica come vincente la scelta intrapresa dal governo di Boris Johnson di allungare da subito l'intervallo tra prima e seconda dose vaccinali rispetto alle 11-12 settimane inizialmente consigliate.

VIDEO - Covid, stop mascherine all'aperto. Quando resta obbligatorio indossarle?

L'intervallo più lungo garantisce "un sostanziale incremento" della presenza di anticorpi nelle persone e dell'impatto del vaccino, ha sottolineato il professor Andrew Pollard, responsabile dello sviluppo del siero, illustrando la nuova ricerca prima della sua pubblicazione. Si tratta di una "risposta rassicurante anche per quei Paesi che sono alle prese con i problemi di una limitata fornitura iniziale di vaccini", ha aggiunto. 

"La risposta immunitaria dopo la seconda dose è stata eccellente anche dopo 10 mesi dalla prima", gli ha fatto eco la professoressa Teresa Lambe, una delle responsabili di quest'ultima ricerca, rimanendo per ora prudente invece sull'utilita' successiva d'un terzo richiamo più direttamente tarato sulla variante Delta o su altre mutazioni recenti dei virus, pur senza escluderla.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli