Lo zoo è chiuso per coronavirus: i due panda si accoppiano, dopo 10 anni di tentativi

(Photo: Xinhua News Agency via Getty Images)

Da dieci anni gli operatori dello zoo cercavano di farli accoppiare senza successo. Quando il parco ha chiuso, a causa dell’emergenza coronavirus, finalmente i due panda giganti si sono uniti. È quanto è accaduto all’Ocean Park di Hong Kong: “Forse quello di cui avevano bisogno era solo un po’ di privacy”, scrive la Cnn.

Lo zoo è chiuso al pubblico dalla fine di gennaio: nessun rumore, nessun visitatore viola la calma del luogo. A “porte chiuse” i due animali, Ying Ying e Le Le, hanno cominciato a manifestare i comportamenti tipici della stagione degli amori, che solitamente si presenta tra marzo e maggio. “Ying Ying ha iniziato a passare più tempo a giocare nell’acqua mentre Le Le marcava il territorio e ricercava l’odore della femmina”, ha aggiunto Michael Boos, direttore esecutivo del parco. Alla fine l’accoppiamento è avvenuto e, anche se è presto per parlare di una gravidanza, i veterinari monitorano i cambiamenti nel corpo dell’animale.

Si tratta in ogni caso di una buona notizia perché testimonia che gli sforzi nella conservazione della specie stanno dando i loro frutti. I panda giganti sono animali vulnerabili: rischiano l’estinzione e, secondo le stime dell’Ocean Park, nel loro habitat naturale sono rimasti solo 1800 esemplari.

Love HuffPost? Become a founding member of HuffPost Plus today.

This article originally appeared on HuffPost.