Lobbisti per il bene comune: nasce la coalizione per una legge sul lobbying

Claudio Paudice
·Giornalista, L'HuffPost
·1 minuto per la lettura
concept word forming with cube on wooden desk background - Lobby (Photo: Neydtstock via Getty Images)
concept word forming with cube on wooden desk background - Lobby (Photo: Neydtstock via Getty Images)

È stata presentata oggi alla Camera la coalizione #Lobbying4Change formata da 14 organizzazioni della società civile - Altroconsumo, Associazione Antigone, Calciosociale, Cittadinanza Attiva, Coalizione Italiana Libertà e Diritti civili, Cittadini per l’aria, CIWF Italia, Equo Garantito, Fondazione Etica, ISDE - Associazione Medici per l’Ambiente, LIPU - Lega Italiana Protezione Uccelli, Osservatorio Balcani Caucaso Transeuropa, Slow Food Italia, The Good Lobby - che chiedono di accelerare l’iter di approvazione della legge sul lobbying ora in discussione in Commissione Affari Costituzionali.

“Siamo 14 organizzazioni dai profili, dalle storie, dalle esperienze molto diverse, ma accomunate dalla battaglia per decisioni pubbliche più trasparenti e inclusive, che tengano conto anche del parere e del punto di vista di chi come noi, pur difendendo i diritti dei consumatori, la salute, l’ambiente, i diritti civili, la sostenibilità, e più in generale l’interesse pubblico e il bene comune, viene troppo spesso escluso dal dibattito politico. Alla Camera l’iter delle proposte di legge è avviato e i testi presentati da esponenti delle maggioranza sono più che soddisfacenti. Se non ora, quando? ” dichiara Federico Anghelé direttore di The Good Lobby, associazione promotrice della coalizione.

La pandemia ha evidenziato quanto sia urgente regolamentare il lobbying e renderlo più partecipato. Lo confermano i dati dello studio Interest Representation during the Coronavirus Crisis, condotto dalle Università di Amsterdam, Copenhagen e dal Trinity College di Dublino, intervistando 1.443 gruppi di interessi di 10 diversi Paesi europei, tra i quali anche l’Italia.

Fra il 20% dei soggetti intervistati che ha visto diminuire le interazioni con i decision makers figurano infatti soprattutto le organizzazioni della società civile, che hanno subito ...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.