L'obbligo di quarantena per la variante Delta blocca il tifo inglese a Roma

·1 minuto per la lettura
(Photo: Shaun Botterill via Getty Images)
(Photo: Shaun Botterill via Getty Images)

Preoccupa la variante Delta in vista dello scontro dei quarti tra Inghilterra e Ucraina. Potranno assistere alla sfida all’Olimpico gli inglesi residenti in Italia o provenienti da altri Paesi dell’Ue o dell’area Schengen, mentre per quelli in arrivo dalla Gran Bretagna è obbligatoria la quarantena.

Si legge sul Messaggero:

Dovendo fare 5 giorni di quarantena, anche presentandosi oggi, non potrebbero spostarsi allo stadio. Escamotage, con scalo intermedio o in auto, non sono comunque da escludere. Ma i controlli saranno rigidissimi a Fiumicino, a Ciampino e alla frontiera. Proprio guardando alle scappatoie, nella Capitale crescono i timori per l’evento, anche perché a Roma si sono riscontrati i primi casi di contagi da Covid con variante Delta.

Secondo le indicazioni degli ultimi giorni, i contagi legati alla mutazione Delta del coronavirus - ormai dominante sull’isola rispetto al precedente ceppo Alfa (ex inglese), in un Paese nel quale peraltro si esegue circa la metà di tutti gli esami del genoma (in grado di tracciare le varianti) fatti al mondo - hanno toccato il 99% dei nuovi casi totali. Per questo si discute anche della possibilità di cambiare la sede della finale degli Europei, fissata a Wembley.

Il presidente Aleksander Ceferin non ha alcuna intenzione di cambiare la sede. La conferma: messi in vendita i biglietti sul sito web dell’Uefa (quasi mille euro per la finale). «Le partite si svolgeranno dove previsto: con il governo britannico sono state concordate misure adeguate per mitigare i rischi» insistono da Nyon.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli