Locatelli: "Così i vaccini verranno testati sui bambini"

Primo Piano
·1 minuto per la lettura
(AP Photo/Vadim Ghirda)
(AP Photo/Vadim Ghirda)

"Tutti e 4 i vaccini approvati in Italia (Moderna, Pfizer, AstraZeneca e Johnson&Johnson) hanno un piano di sviluppo pediatrico: si parte dagli adolescenti e si abbassa progressivamente la fascia di età, è importante testarli e validarli per poterli usare anche in età pediatrica". È quanto ha spiegato Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di sanità a Che tempo che fa. 

L'esperto ha fatto inoltre presente che i vaccini contro il Covid richiamano "molta più attenzione da parte dell'opinione pubblica rispetto agli altri, mai prima c'era stata un campagna vaccinale così importante. È poi giusto essere attenti perché si sono impiegate piattaforme vaccinali mai impiegate prima e lo stesso vaccino ha come unico precedente quello del vaccino Ebola. Questo giustifica l'alta attenzione, le aspettative sono elevate ed è opportuno che i meccanismi di farmacovigilanza trovino la più precisa attuazione". 

VIDEO - Gli effetti del lockdown sui bambini: raddoppiati i casi di pubertà precoce

"Idealmente - ha continuato, facendo riferimento alla questione della recente sospensione del siero AstraZeneca - sarebbe auspicabile un allineamento tra le due agenzie più importanti, ma non va dimenticato che i contesti regolatori e legislativi sono differenziati. La sospensione la vedrei in positivo: l'agenzia tedesca aveva posto un allarme rispetto ad alcuni fenomeni che ha portato ad una sospensione cautelativa e alla ripresa quando l'analisi ha documentato che non c'erano motivi per la sospensione. Una dimostrazione che il meccanismo della farmacosorveglianza e vigilanza funziona perfettamente", ha concluso Locatelli.

VIDEO - Coronavirus, quanto rischiano i bambini?