Locatelli: "Da metà luglio basta mascherine all'aperto"

·1 minuto per la lettura
Franco Locatelli (Photo by Stefano Carofei/Pool/Insidefoto/Mondadori Portfolio via Getty Images)
Franco Locatelli (Photo by Stefano Carofei/Pool/Insidefoto/Mondadori Portfolio via Getty Images)

Un nuovo lockdown "è altamente improbabile. Tutte le decisioni sono state prese per non esporci al rischio di dover richiudere. La campagna di vaccinazione fa la differenza" e di togliere la mascherina "credo potremo parlarne nella seconda metà di luglio, eliminando l'obbligo solo all'aperto, o anche al chiuso tra persone vaccinate e non soggette a fragilità". Lo dice in un'intervista a La Stampa, Franco Locatelli, coordinatore del Cts e presidente del Consiglio superiore di sanità.

VIDEO - Locatelli: "Astrazeneca raccomandato a soggetti over 60"

L'esperto parla poi del piano vaccini: "Condivido le considerazioni del generale Figliuolo: la corsa alla vaccinazione 'indiscriminata' è inutile, bisogna dare priorità a chi rischia in caso di contagio", mentre per quanto riguarda i vaccini ai giovanissimi, "una volta che sarà arrivato il via libera" dell'Ema, atteso per fine maggio, "e avremo messo al sicuro le fasce di popolazione a rischio, potremo partire con gli studenti, così da assicurare la didattica in presenza e in sicurezza nel prossimo anno scolastico".

Per il futuro "è largamente possibile che avremo bisogno di una terza dose, ma è un tema che si porrà non prima di ottobre", mentre circa l'obbligo vaccinale, per Locatelli "al momento non vedo gli estremi per discuterne. Lo scenario attuale non rende necessario l`obbligo se non per gli operatori sanitari".

VIDEO - Stop a seconda dose di Astrazeneca? La spiegazione di Locatelli

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli