Lombardia, 1.500 gli immobili sequestrati alla mafia e riassegnati

MILANO (ITALPRESS) – “Il bene confiscato sul territorio non è un problema da affrontare, ma una risorsa da sfruttare”. Lo ha dichiarato la Presidente della Commissione Antimafia Monica Forte intervenendo questa mattina a Palazzo Pirelli alla conferenza stampa sulle politiche regionali legate ai beni confiscati alla mafia e all’usura. “E’ indispensabile che tutti i soggetti coinvolti, dagli imprenditori, alle associazioni, alle istituzioni, riescano a fare rete, ascoltarsi e trovare la strada giusta per supportare chi finisce nelle trame degli usurai – ha proseguito Monica Forte -. Occorre inoltre impegnarsi al fine di prevenire questo fenomeno, prevedendo dei dispositivi efficaci a sostegno degli imprenditori in grave crisi di sovraindebitamento ed evitando così di farli cadere tra le mani delle criminalità organizzata”. La Lombardia è la terza regione italiana, dopo Sicilia e Campania, per il numero di Procedure in Gestione (604) gestite dal Tribunale e dalla Procura e con oltre 1.500 immobili sequestrati alla mafia e destinati a progetti sociali. I numeri del fenomeno sono stati comunicati dall’assessore regionale alla Sicurezza Romano La Russa che ha sottolineato come “Regione Lombardia abbia contribuito concretamente al sostegno di iniziative di assegnazione dei beni finanziando, tra il 2019 e il 2022, ben 87 progetti presentati da Enti locali ed Enti concessionari per un importo complessivo di quasi 5 milioni e mezzo di euro”. Romano La Russa ha annunciato che “entro fine anno partirà una campagna mediatica per la lotta all’usura con un video realizzato da Regione Lombardia che verrà divulgato sulle piattaforme social e sulle emittenti televisive locali”. Nel corso della conferenza stampa è stata presentata l’assegnazione di una unità immobiliare confiscata alla mafia in viale Monza a Milano che diventerà la futura sede dell’attività dell’Associazione Antiracket e Antiusura S.O.S Italia Libera, riconosciuta dal Ministero dell’Interno e operante in Lombardia: a rappresentare l’Associazione, è intervenuto il presidente Paolo Bocedi.
Presenti anche la Consigliera regionale Selene Pravettoni, Vice Presidente della Commissione Antimafia, e l’Onorevole Riccardo De Corato, in precedenza assessore alla Sicurezza di Regione Lombardia.(ITALPRESS).

Photo Credits: ufficio stampa Consiglio Regionale Lombardia