Lombardia, 1 mln a enti no profit per recupero alimenti invenduti

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 17 mar. (askanews) - Un milione di euro a fondo perduto destinati agli enti non profit per acquistare attrezzature, come abbattitori, celle frigorifere, contenitori isotermici o software gestionali, utili al recupero e alla distribuzione dei prodotti alimentari invenduti. E' quanto ha stanziato la giunta lombarda per contrastare il fenomeno dello spreco alimentare attraverso iniziative solidali.

"Vogliamo contribuire - spiega l'assessore all'Ambiente, Raffaele Cattaneo - a eliminare lo spreco di cibo, anche alla luce del periodo di crisi che stiamo vivendo e che vede tante persone in difficoltà. Un vero sviluppo deve essere sostenibile e in questo l'economia circolare è un valido alleato, che ci permette di ridurre gli sprechi anche in campo alimentare".

Ad aprile sarà pronto il decreto che indicherà i criteri per l'assegnazione delle risorse, le domande devono essere presentate tra la prima settimana di aprile e metà di maggio. Le istanze dovranno contenere i preventivi di acquisto delle attrezzature e la documentazione che attesta la tipologia dell'ente. Possono presentare la domanda gli enti non profit che si occupano dell'attività di recupero e distribuzione dei prodotti alimentari ai fini di solidarietà sociale, aventi i requisiti determinati da Regione Lombardia con la delibera regionale del 31 luglio 2017.

Il contributo per l'acquisto delle attrezzature sarà un finanziamento a fondo perduto, a sportello, fino alla concorrenza massima del 90% dell'importo della spesa ammissibile, e in ogni caso non oltre un massimo di 200.000 euro.

"Con questa delibera - aggiunge l'assessore - sosteniamo infatti chi aiuta le persone in difficoltà: gli enti non profit, con l'acquisto di attrezzature specifiche, potranno potenziare le attività di distribuzione e ampliare le tipologie di alimenti invenduti da ritirare, che potranno essere così donati a chi ne ha bisogno. Questo, inoltre, consentirà una diminuzione consistente della produzione di rifiuti organici, con un notevole vantaggio per l'ambiente".