"In Lombardia 14,5% dei ragazzi in stato di povertà relativa"

Red-Asa
·2 minuto per la lettura

Milano, 28 ott. (askanews) - "Più di un minore su otto in Lombardia vive in condizione di povertà relativa. Grazie al forte impegno di Regione Lombardia la situazione è decisamente migliore rispetto alla media nazionale che si attesta al 22%. L'emergenza coronavirus, però, rischia di amplificare i numeri. Il Governo deve intervenire subito e con decisione per evitare che la situazione divenga insostenibile in Lombardia e nel Paese intero". Lo ha scritto in una nota Stefano Bolognini, assessore regionale alle Politiche sociali, abitative e Disabilità in Lombardia. "Nonostante il dato della povertà minorile in Lombardia sia sensibilmente inferiore alla media nazionale - ha aggiunto l'assessore -, la situazione rimane comunque allarmante". "Nella nostra regione vivono in povertà relativa il 14,5% dei giovani - ha rimarcato Bolognini -, siamo 7 punti e mezzo sotto il dato medio italiano, ma senza misure importanti di respiro nazionale da affiancare ai nostri provvedimenti la situazione rischia di diventare ancora più difficile a causa della pandemia in corso". Secondo gli ultimi dati emersi, presentati al convegno 'Vecchie e nuove povertà, un welfare che cambia', in Italia più di tre bambini o ragazzi fino a 15 anni (il 30,6% del totale) sono a rischio povertà ed esclusione sociale. Si tratta di un numero decisamente più elevato rispetto alla media UE (23,8%). Al dibattito organizzato da Regione e dall'assessorato alle politiche sociali, abitative e disabilità, è emerso anche come l'11,4% della popolazione fino a 17 anni viva in condizione di povertà assoluta". La soglia di povertà relativa per una famiglia risulta pari alla spesa media mensile per persona. Per un nucleo formato da almeno due componenti in Italia, nel 2019, la soglia è stata di 1.094,95 euro. Al di sotto di tale valore si applica la definizione di 'povero'. Una famiglia viene considerata, invece, in stato di povertà assoluta quando sostiene una spesa mensile per consumi pari o inferiore al valore monetario, a prezzi correnti, dell'insieme di beni e servizi considerati essenziali. Un insieme che viene definito in base all'età dei componenti, alla ripartizione geografica e alla tipologia del comune di residenza.