Lombardia: 2,5 mln alle Pmi per sviluppo soluzioni innnovative

Lzp

Milano, 1 ott. (askanews) - La Giunta della Regione Lombardia, su proposta dell'assessore allo Sviluppo Economico Alessandro Mattinzoli, ha approvato la delibera con cui si incrementano i fondi finanziari del "Bando per lo sviluppo di soluzioni innovative 4.0" attuato da Unioncamere Lombardia. L'incremento è pari a 2,5 milioni di euro ed è stato approvato per poter concedere il contributo ad ulteriori domande ammesse e non finanziate, ovvero finanziate parzialmente, per esaurimento della dotazione finanziaria.

"Queste misure - ha spiegato l'assessore allo Sviluppo Economico Alessandro Mattinzoli - danno grande soddisfazione, perché indicano che i bandi sono davvero rispondenti a ciò che le imprese chiedono. Per noi è importante finanziare soluzioni innovative di alto livello: l'innovazione è la chiave di volta per lo sviluppo".

Il Bando per le soluzioni innovative 4.0 è riservato alle Micro, Medie e Piccole Imprese con sede operativa in Lombardia al momento dell'erogazione e che abbiano al loro interno competenze nello sviluppo di tecnologie digitali. Con questo strumento la Regione vuole promuovere lo sviluppo di soluzioni, prodotti e/o servizi innovativi focalizzati sulle nuove competenze e tecnologie digitali in attuazione della strategia definita nel Piano Nazionale Impresa 4.0.

In particolare si propone di sviluppare la capacità di collaborazione tra MPMI e tra esse e soggetti e specialisti qualificati nel campo dell'utilizzo delle tecnologie 4.0, in una logica di condivisione delle tecnologie attraverso la realizzazione di progetti in grado di mettere in luce i vantaggi ottenibili attraverso il nuovo paradigma tecnologico e produttivo. Non solo. Ha come finalità anche quella di stimolare, a lungo termine, la domanda di servizi per il trasferimento di soluzioni tecnologiche e realizzare innovazioni tecnologiche o implementare modelli di business derivanti dall'applicazione di tecnologie 4.0.