In Lombardia 71% dei 70enni ha prenotato vaccino, 60.000 vaccinati

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 14 apr. (askanews) - Su 995.000 cittadini lombardi con un'età compresa tra 70 e 79 anni al momento hanno prenotato la vaccinazione contro il Covi-19 in 704.267, pari al 71% del totale. Lo ha scritto in una nota la vicepresidente e assessore al Welfare della Regione Lombardia, Letizia Moratti, che stamani ha visitato il Pio Albergo Trivulzio. I settantenni vaccinati da lunedì 12 aprile sono invece 60.000. L'assessore al Welfare ha inoltre confermato che la fascia dei sessantenni potrà inizierà a prenotarsi dal 22 aprile, se verranno assicurati gli arrivi dei vaccini.

Per quanto riguarda il personale scolastico Moratti ha confermato che, in linea con le disposizioni del Commissario straordinario, le prenotazioni degli under 60 sono sospese, mentre continuano le vaccinazioni, ad esaurimento, di coloro che avevano già un appuntamento fissato. I caregiver dei circa 27.000 minori disabili che sono stati caricati sul portale delle Poste possono aderire alla vaccinazione semplicemente indicando il codice fiscale del minore. Il numero comprende i nuclei familiari interi e tutti coloro che materialmente prestano loro assistenza.

Quanto alle 284.000 persone disabili adulte l'assessore al Welfare ha sottolineato che, sulla base dei dati forniti dall'Inps dal 2010 a oggi, possono già prenotare la vaccinazione attraverso i quattro canali messi a disposizione da Poste italiane: portale, postamat, postini e numero verde. Da questo elenco mancano coloro che sono stati registrati come disabili prima del 2010. Per questa ragione l'assessore ha chiesto ai medici di medicina generale di segnalare alle Ats i nominativi dei disabili che hanno in carico e dei loro caregiver in modo da permettere l'inserimento sul portale di Poste e la prenotazione.