In Lombardia accertati 126 casi di varianti Covid inglese

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 10 feb. (askanews) - Fino a lunedì scorso in Lombardia sono stati accertati 128 casi di varianti di Sars-CoV-2 in Lombardia: tutte inglesi, una brasiliana e una sospetta ancora da identificare se brasiliana o sudafricana. "E' un dato sicuramente di grande attenzione e noi oggi emaniamo una circolare con cui invitiamo l'Ats ad adottare alcuni comportamenti nuovi indicati dal ministero che il 31 gennaio ha inviato una sua circolare", per "prendere atto che le varianti si stanno diffondendo e hanno un indice di trasmissibilità superiore al Covid che abbiamo finora conosciuto", ha affermato il direttore generale Welfare della Regione Lombardia Marco Trivelli in un'audizione in Commissione Sanità del Consiglio regionale Lombardo.

Trivelli ha spiegato che i casi sono diffusi in tutte le Agenzia di tutela della Salute, ad eccezione di quella di Pavia e che si sta valutando l'ipotesi di "aumentare l'attività di testing con tampone antigenico per la popolazione scolastica. Vediamo se nascerà un provvedimento la settimana prossima in questo senso" - ha detto - "Le indicazioni che vengono date sono di fare un tampone adesso anche per i contatti di casi fra la terza e la settima giornata, e questo finora era un passaggio non contemplato - ha aggiunto - perché i contatti possono stare in quarantena e uscire al decimo giorno in assenza di sintomi. Invece quello che ora prevediamo è che, laddove ci siano state varianti nell'area di residenza, il contatto stretto di caso faccia il tampone al quinto giorno e prolunghi la quarantena fino al 14esimo giorno".