Lombardia: albergatori Milano, 'turisti vanno altrove'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 28 giu. (Adnkronos) – Atr, l’associazione degli albergatori milanesi in seno a Confesercenti, accoglie con favore l’apertura della stagione turistica lombarda, ma fa notare che gli attuali flussi dei turisti stranieri portano a Milano pernottamenti di massimo una notte, per poi proseguire verso altre destinazioni, fuori Regione. Proprio a Milano, fa notare l’associazione, non sta avvenendo alcun ritorno dei turisti e nemmeno degli eventi che al massimo potranno avere luogo a settembre pur potendo ricominciare dal 1 luglio.

“E’ assolutamente utile far sapere che la Lombardia è una destinazione sicura – commenta il presidente di Atr, Rocco Salamone – ma è necessario ribadirlo non solo per i turisti stranieri di prossimità, ma anche per il mondo degli eventi e del turismo business che ruota attorno a Milano, che oggi soffre oltre modo una ripartenza che non la riguarda".

Con il turismo di prossimità, aggiunge, "non si salva la stagione turistica, men che meno nelle grandi città. Quello a cui assistiamo oggi è sicuramente un aumento degli arrivi internazionali, dato che molti più voli atterrano a Milano, ma i pernottamenti ci raccontano un’altra storia: sempre più spesso i pochi turisti internazionali passano una notte a Milano e provincia per riposarsi dal lungo viaggio per poi proseguire verso altre destinazioni, fuori dalla Lombardia. Si parla tanto di fare sistema ma si è persa l’opportunità di far dialogare Milano col resto del territorio, promuovendo magari dei pacchetti comprensivi di pernottamento in città e scoperta dell’hinterland”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli