Lombardia: assessore Rolfi, 'in nostro latte no residui di antibiotici'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 19 mag. (Adnkronos) – "Vogliamo dare risalto nazionale a una ricerca scientifica da cui emergono risultati eccezionali sul latte lombardo: i residui di antibiotici sono di cento volte inferiore a quanto consentito dalla legge. Oggi abbiamo i numeri certi per dire che il latte italiano garantisce una sicurezza alimentare senza pari e che tutte le fake news diffuse da alcuni organi di informazione possono essere smontate con dati scientifici". Lo ha detto l'assessore regionale lombardo all'Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi, Fabio Rolfi, che, questa mattina, alla Camera dei deputati, insieme al sottosegretario al Mipaaf Gian Marco Centinaio e al deputato Guglielmo Golinelli ha presentato i risultati di un'indagine condotta dall'Istituto zooprofilattico della Lombardia e dell'Emilia-Romagna sul latte in provincia di Brescia.

A Brescia il monitoraggio in questione è stato fatto su 1200 allevamenti di bovini, su oltre un milione di tonnellate per 52 campioni sulle cisterne. E tutti sono risultati negativi sulla presenza di molecole di antibiotici. "Nel 2021 – ha concluso l'assessore Rolfi – estenderemo la ricerca a tutte le province lombarde e ad altre filiere strategiche per la zootecnia: carne e uova. La Lombardia produce il 43% del latte italiano, elemento base di una dop economy che porta la bandiera italiana nel mondo grazie a prodotti caseari straordinari. Vogliamo garantire al consumatore la massima chiarezza sulla sicurezza che i nostri prodotti sanno offrire".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli