Lombardia, Baffi: preoccupata per incendio azienda rifiuti Codogno

Lzp

Milano, 28 ago. (askanews) - "Sono molto preoccupata per quanto accaduto a Codogno in queste ore, non solo per gli aspetti legati alla salute dei cittadini e per i danni ambientali che ne possono conseguire, ma anche per i motivi che hanno portato a questo ennesimo incendio in Lombardia". È il commento di Patrizia Baffi, consigliere regionale del Pd, in seguito al rogo nell'azienda Gcm Ambiente, nel polo industriale della Triulza, dove, in seguito a un'ispezione a sorpresa di Arpa a inizio agosto, erano state rilevate irregolarità segnalate all'autorità giudiziaria. Ulteriori verifiche ispettive erano in programma nei prossimi giorni. L'azienda stoccava rifiuti di vario genere, fra i quali carta e cartone, autocarri e mezzi d'opera, pneumatici, vernici, solventi chimici e altro materiale, cioè rifiuti urbani, speciali, pericolosi e non pericolosi. Il Comune di Codogno ha diramato un avviso ai cittadini di tenere, in via cautelativa, le finestre chiuse.

"Il fatto stesso che dopo l'intervento di Arpa Lombardia l'amministrazione comunale abbia diramato l'avviso di tenere porte e finestre ben chiuse, la dice lunga sulla natura del fumo che si sta sprigionando", conclude Baffi.

In Lombardia esiste un'emergenza legata alla gestione, allo stoccaggio e al traffico illecito dei rifiuti su cui ha fatto il punto anche l'indagine conoscitiva sullo 'Stoccaggio e traffico illecito di rifiuti in relazione all'aumento dei casi di incendio e con particolare attenzione alla presenza delle organizzazioni criminali nel ciclo dei rifiuti' della Commissione speciale Antimafia, presentata e discussa in consiglio regionale poco prima della pausa estiva".