Lombardia: Buffagni, 'appello al Pd, insieme contro disastro Lega'

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 23 mag. (Adnkronos) – "Serve costruire da subito una proposta con un fronte largo per superare il disastro di Attilio Fontana e della Lega in Lombardia". L'ex viceministro dello Sviluppo economico dei 5 Stelle, Stefano Buffagni, si rivolge così al Pd sulle regione Lombardia. Perché anticipare così i tempi? "Perché è fondamentale che tutto parta da un percorso di ascolto di un territorio che è il motore economico del Paese, per raccogliere energie trasversali e ricostruire la sanità dopo la devastazione di questi anni", dice Buffagni al Corriere.

Si dice che lei vorrebbe candidarsi presidente con questo schema di alleanza, è così? "No, non credo sia un tema di nomi, certamente però conosco la macchina regionale e molti dirigenti interni e capaci". Certo a livello nazionale per queste amministrative il coordinamento tra 5S e Pd non sta andando bene, al primo turno vede possibilità di recupero ad esempio a Torino e Milano? "Si sceglierà in base agli interessi dei cittadini, mettendo da parte gli egoismi dei partiti. Ad esempio con Chiara Appendino si è governato bene a Torino, perché negarlo?".

Sala e il centrosinistra su Milano sembrano star bene senza di voi. "Andiamo soli, ma guardiamo più avanti". Ai secondi turni però la convergenza reciproca con il centrosinistra non sarà in discussione vero? "Non si mette il carro davanti ai buoi. Auspico però che il Pd appoggi la Raggi al ballottaggio, sarebbe un ottimo punto di partenza". Il lavoro che state mettendo in cantiere in Lombardia è condiviso con Giuseppe Conte? "A breve auspico ci sarà un incontro con lui su questo, ma conosciamo la sua sensibilità sul tema, si tratta di un investimento politico importante a livello nazionale". Ma quando diventerà operativa la sua leadership, ci sono novità? "Questione di giorni, sono molto ottimista e sarà orientata sullo sviluppo sostenibile, su imprese, lavoro e inclusione sociale".