Lombardia: Consiglio regionale sostiene petizione mondiale contro cibo in provetta

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 8 nov. (Adnkronos) – Il Consiglio regionale della Lombardia approva la mozione presentata dal gruppo della Lega che sostiene la petizione mondiale per fermare lo sbarco a tavola del cibo sintetico promossa da World farmers markets coalition, World farmers organization, Farm Europe, Coldiretti e Filiera Italia. Lo rende noto la Coldiretti Lombardia in occasione della seduta odierna del Consiglio riunito a Milano, che segue l’adesione già espressa dall’assessore regionale all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi Verdi Fabio Rolfi.

Dalla carne prodotta in laboratorio al latte 'senza mucche' fino al pesce senza mari, laghi e fiumi, il cibo in provetta potrebbe presto inondare il mercato europeo, denuncia Coldiretti, poiché già ad inizio 2023 potrebbero essere introdotte a livello Ue le prime richieste di autorizzazione all’immissione in commercio che coinvolgono Efsa e Commissione Ue.

"Dietro l’alibi della tutela ambientale -spiega Paolo Carra, vice presidente di Coldiretti Lombardia- si nascondono speculazioni che portano al cibo sintetico che rischia di cancellare l’identità dei nostri prodotti agroalimentari e dei nostri territori. Ringraziamo pertanto il Consiglio regionale lombardo per questa presa di posizione importante che va nella direzione indicata dalla maggior parte dei consumatori".

Secondo un’indagine Coldiretti/Ixè, infatti, ben 7 italiani su 10 non si fidano del cibo creato in laboratorio con cellule staminali in provetta, afferma la Coldiretti regionale nel sottolineare che in Lombardia si alleva oltre il 50% dei suini italiani, il 25% dei bovini da carne, e si produce il 45% del latte italiano. Interrogati sui motivi principali per i quali bocciare il cibo fatto in laboratorio gli italiani, spiega l’analisi Coldiretti/Ixe’, mettono in cima il fatto di non fidarsi delle cose non naturali (68%, mentre al secondo posto ci sono i consistenti dubbi sul fatto che sia sicuro per la salute (60%). Rilevante anche la considerazione che il cibo artificiale non avrà lo stesso sapore di quello vero (42%) ma c’è anche chi teme per il suo impatto sulla natura (18%).

Gli investimenti nel campo del cibo sintetico stanno crescendo molto sostenuti da diversi protagonisti del settore hitech e della nuova finanza mondiale, da Bill Gates (fondatore di Microsoft) ad Eric Schmidt (cofondatore di Google), da Peter Thiel (co-fondatore di PayPal) a Marc Andreessen (fondatore di Netscape), da Jerry Yang (co-fondatore di Yahoo!) a Vinod Khosla (Sun Microsystems). L’esempio più lampante è quello della carne artificiale dove solo nel 2020 sono stati investiti 366 milioni di dollari, con una crescita del 6000% in 5 anni.

"Le bugie sul cibo in provetta confermano che c’è una precisa strategia delle multinazionali che con abili operazioni di marketing puntano a modificare stili alimentari naturali fondati sulla qualità e la tradizione", conclude Carra sottolineando che "siamo pronti a dare battaglia poiché quello del cibo Frankenstein è un futuro da cui non ci faremo mangiare".