Lombardia, cordata A2A vince bando per recupero sostenibile fanghi

Asa

Milano, 30 gen. (askanews) - Valorizzare i fanghi di depurazione e identificare le modalità di recupero più sostenibili. È l'obiettivo di un progetto del Gruppo A2A, insieme ai partner BrianzAcque, Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri, Lariana Depur, MM e TCR Tecora, che è tra i vincitori del bando "Call Hub Ricerca e Innovazione", finanziato da Regione Lombardia. Si è classificato al quarto posto della graduatoria nel settore sostenibilità su 78 progetti presentati, con un punteggio tecnico di 95/100. Nei 30 mesi di durata prevista del progetto i partner valuteranno l'impatto sanitario-ambientale di strategie alternative di valorizzazione dei fanghi di depurazione per identificare quella (o la combinazione) più vantaggiosa in termini di sostenibilità, considerando anche gli aspetti economici e normativi.

Secondo gli ultimi dati Arpa disponibili, nel 2017 in Lombardia sono state prodotte 800.000 tonnellate di fanghi, 500.000 delle quali derivanti da acque reflue urbane. A2A Ambiente sperimenterà in ottica di economia circolare presso alcuni propri impianti l'ottimizzazione del recupero energetico in co-combustione con altri rifiuti non riciclabili e in monocombustione finalizzata anche alla possibilità di estrarre e recuperare il fosforo, elemento nutriente essenziale, dalle ceneri di combustione dei fanghi.

BrianzAcque svilupperà a Vimercate il primo impianto in Europa di bioessicamento dei fanghi di depurazione. La struttura sarà in grado di essiccare i residui del ciclo depurativo mediante calore generato dalla proliferazione batterica così da ottenere materiale idoneo alla successiva valorizzazione energetica e al recupero di fosforo, preziosa risorsa in fase di esaurimento. L'Istituto Mario Negri avrà il compito di assicurare lo sviluppo/applicazione di una metodologia integrata per la valutazione dell'impatto sanitario e ambientale. MM Spa installerà presso il depuratore di San Rocco a Milano un impianto sperimentale per la mono-combustione di fanghi biologici derivanti dal trattamento di acque reflue urbane e un impianto di carbonizzazione per la trasformazione dei fanghi in bio-carbone da avviare a combustione.