Lombardia, da bando regionale Itinerari richieste fondi per 62 mln

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 22 apr. (askanews) - Il 31 marzo si è chiusa la procedura per presentare le domande al "bando Itinerari" della Regione Lombardia per la concessione di contributi per la manutenzione straordinaria e la realizzazione di nuovi tratti della rete escursionistica, della rete viaria di servizio alle attività agro-silvo-pastorali nonché di percorsi ciclopedonali e ciclabili. "Un grande successo per questo bando - ha commentato l'assessore regionale alla Montagna Massimo Sertori - dove il mio assessorato ha messo a disposizione una dotazione finanziaria di 10 milioni di euro, al punto che sono arrivate richieste per oltre 60 milioni di contributo".

"Questo - ha continuato Sertori - dimostra che abbiamo intercettato un bisogno reale dei territori. Ora i miei uffici, con il supporto di Ersaf, predisporranno la graduatoria per l'individuazione dei progetti finanziabili. Visto il grande successo del bando rifletteremo nei prossimi mesi su eventuali altre risorse da mettere a disposizione per soddisfare i progetti ammissibili".

"L'iniziativa - ha concluso Sertori - è rivolta ai Comuni montani e parzialmente montani, agli enti Parco e alle Comunità Montane, ed ha la finalità di incrementare l'attrattività dei territori, con ricadute positive sullo sviluppo del turismo e sul rilancio dell'economia locale, e di contrastare il fenomeno della loro marginalizzazione, acutizzato dalle restrizioni imposte dalla pandemia".

Tra le 161 domande presentate, 121 provengono da Comuni e 40 da altri soggetti. Il valore delle proposte è pari a 72.234.602,21 euro, con richiesta di contributo per 62.771.718,38 euro. Tra le proposte, 72 interessano i sentieri, 49 la viabilità agro-silvo-pastorale e 40 piste ciclabili e ciclopedonali.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli