Lombardia, Fermi: grave bloccare aula, comportamenti irrispettosi

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 26 gen. (askanews) - "Le istituzioni non si fermano mai, e nessuno può pensare di arrestarne il funzionamento perché hanno anticorpi e regole che le mettono al di sopra di ogni tentativo di sabotarle. Oggi l'istituzione regionale è stata minata da comportamenti irrispettosi nei confronti innanzitutto dei cittadini lombardi: ben venga un confronto politico duro e schietto, ma è stato grave cercare di bloccare ripetutamente i lavori con atteggiamenti strumentali". Lo ha sottolineato a margine dei lavori del Pirellone il presidente del Consiglio regionale della Lombardia, Alessandro Fermi, commentando le proteste delle opposizioni che oggi hanno manifestato il loro dissenso nei confronti della giunta regionale.

"Il Consiglio regionale - ha aggiunto - alla fine ha comunque approvato provvedimenti importanti a tutela dei figli minori di genitori separati e per favorire l'ingresso dei disabili nel mondo del lavoro, provvedimenti condivisi e che certamente ai cittadini lombardi stanno molto a cuore".

Secondo Fermi, "alla fine della giornata di oggi ai cittadini lombardi resterà solo la consapevolezza di poter contare su nuove misure importanti a sostegno di famiglie con genitori separati o con persone disabili. Questa è la forza delle istituzioni: affrontare e dare risposte alle esigenze e ai problemi. Questo è il dovere del Consiglio regionale, che non si è mai fermato nemmeno nel periodo del lockdown, figuriamoci davanti alle proteste", ha concluso il numero uno del Pirellone.