Lombardia Film Commission, legale Sostegni: "Nessuna ammissione"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

Luca Sostegni, l’uomo fermato tre giorni fa nell’ambito dell’inchiesta della procura di Milano sul capannone di Cormano, nel Milanese, acquistato dalla Lombardia Film Commission, fondazione no-profit di cui sono soci Regione Lombardia e Comune di Milano, è stato interrogato oggi dal gip e dai pm di Milano ma non avrebbe fatto ammissioni su quanto gli viene contestato. “Non parliamo di ammissioni – spiega all’Adnkronos il suo legale, Daniela Pulito - sono state rese dichiarazioni davanti al gip, poi abbiamo continuato davanti al pm. Tutto è coperto da segreto istruttorio, non posso riferire sulle dichiarazioni rilasciate.”

L’interrogatorio, iniziato questa mattina, è finito poco dopo le 16. “Il mio assistito è sereno per quanto uno possa esserlo all’interno di un carcere - sottolinea l’avvocato -. Cercherà di riferire la sua posizione quanto più velocemente possibile”.