Lombardia: Fontana firma ordinanza trasporti, in vigore domani

Lzp

Milano, 13 mar. (askanews) - Il governatore della Lombardia, Attilio Fontana, ha firmato l'ordinanza per rimodulare il servizio del trasporto pubblico con l'obiettivo di contrastare "l'emergenza sanitaria" sul territorio legata alla diffusione del Coronavirus. L'ordinanza, in vigore da domani a mercoledì 25 marzo, salvo proroga dell'ultimo Dpcm, "ordina la soppressione e riduzione straordinaria dei programmi di servizio, in misura differente nei diversi ambiti geografici, tale da: garantire un livello di servizio pubblico per gli spostamenti casa-lavoro delle persone impiegate nelle attività essenziali; nel contempo, il rispetto della distanza interpersonale a bordo dei mezzi e l'effettuazione degli interventi di sanificazione dei mezzi".

Il provvedimento riguarda: servizio ferroviario regionale operato da Trenord; servizi trasporto urbano e extraurbano; funicolari e funivie; servizi di navigazione sul Lago di Iseo; servizi di collegamento aeroportuale effettuati con bus; servizi finalizzati e di gran turismo; servizi di noleggio con conducente; servizi effettuati mediante taxi e noleggio con conducente di cui alla Legge 21/92.

  Il provvedimento prevede l'adozione della seguente programmazione: per i servizi ferroviari di Trenord, una programmazione equivalente ad un giorno festivo, con un servizio pari al 40% - 60% della giornata feriale tipo; saranno cancellate il 60% - 40% delle corse, garantendo almeno 1 corsa all'ora delle linee suburbane e i collegamenti tra i capoluoghi, fatte salve le linee che già oggi hanno frequenze minori, eventualmente adattato ai singoli ambiti, e che consenta di garantire su tutto il territorio regionale livelli minimi emergenziali di servizio anche in coordinamento; soppresso il collegamento Milano Cadorna-Malpensa, confermato il collegamento Milano Centrale-Malpensa.

Per i servizi urbani, una programmazione equivalente al periodo festivo o un servizio pari al 50% - 60% della giornata feriale nel periodo scolastico-invernale, garantendo almeno 1 corsa ogni 30 minuti, fatte salve le linee che già oggi hanno frequenze minori;

Per i servizi extraurbani, una programmazione equivalente al periodo invernale non scolastico o un servizio pari al 25% - 40% della giornata feriale nel periodo scolastico-invernale, garantendo almeno 1 coppia di corse al giorno per ogni località servita;