Lombardia, Fontana: "Impossibile aprire scuole al 100% con trasporti al 50%"

Primo Piano
·1 minuto per la lettura
(AP Photo/Luca Bruno)
(AP Photo/Luca Bruno)

"Per quanto riguarda la riapertura dei trasporti, è insostenibile pretendere che i mezzi pubblici vengano riempiti al 50% dovendo trasportare gli studenti che dovrebbero rientrare a scuola al 100%. Questo è un problema che abbiamo già evidenziato al governo".

Lo ha affermato il governatore della Regione Lombardia, Attilio Fontana, alla trasmissione "Buongiorno" su Sky TG24 commentando le riaperture previste dal 26 aprile.

"Ci sono una serie di ipotesi e soluzioni" ha continuato Fontana, sottolineando che "la più semplice sarebbe quella di dilazionare l’ingresso degli studenti nelle scuole, con orari differenziati. Dare comunque autonomia alle scuole, che possano fare delle scelte compatibili con le due esigenze e che varino da territorio a territorio. Le criticità della Lombardia sono le criticità di tutte le Regioni, che si trovano ad affrontare un problema di difficile soluzione". 

VIDEO - Covid, Fontana “Dai dati la Lombardia potrebbe essere gialla”

E ha ribadito: "Se il trasporto pubblico è stato previsto perché venga riempito al 100%, nel momento in cui possiamo riempirlo solo fino al 50% è chiaro che c’è qualcosa che non può funzionare, che non è compatibile. Per gli edifici scolastici varia da situazione a situazione, ce ne sono alcuni in cui è possibile fare il distanziamento, altri in cui è più difficile”.

"Da un punto di vista ideale - ha proseguito - la scuola sarebbe la prima cosa che deve funzionare in presenza, sempre, perché è fondamentale per i nostri ragazzi. Che in questa situazione esistano una serie di problemi è altrettanto vero". "Partendo dal presupposto della necessità di riaprire, bisogna trovare soluzioni intermedie che ci consentano di riaprire e rispettare le regole", ha concluso.

VIDEO - Andare a scuola aumenta il rischio contagio?